Terni scende in piazza per protestare contro le regole Ordinanza e Ddl Zan

Terni scende in piazza per protestare contro le regole Ordinanza e Ddl Zan

Terni scende in piazza per protestare contro le regole Ordinanza e Ddl Zan

In piazza ieri pomeriggio a Terni per manifestare contro lo stop in Parlamento del ddl Zan, ma anche contro l’ordinanza antiprostituzione del comune. Molte sono state le associazioni che hanno manifestato la loro adesione. L’iniziativa è stata promossa da Esedomani Terni, Agedo Terni, Amelia Pride, Terni Donne-Casa delle Donne di Terni, Famiglie Arcobaleno e AltroVento Umbria, in collaborazione con altre associazioni. Le adesioni sono state tante.


Fonte: Pagina Facebook Esedomani Terni


«Vogliamo gridare pubblicamente la nostra rabbia, il nostro disgusto, il nostro rifiuto di fronte all’ennesimo triste teatrino che la politica ha offerto al Paese – sottolineano i promotori –. Quello che è accaduto mercoledì 27 ottobre in Senato è di una gravità sconcertante e ci riporta indietro anni luce per quanto concerne la laicità dello Stato, i diritti civili e la tutela delle minoranze. Non possiamo rimanere inermi e silenti di fronte all’ennesimo gioco di palazzo che ha portato all’affossamento del ddl Zan contro l’omotransfobia, misoginia ed abilismo, un provvedimento atteso da tanti anni, per cui si sono mobilitati centinaia di migliaia di cittadini in tutta Italia; un provvedimento di estrema attualità e necessità, visti i gravi casi di violenze ai danni delle persone LGBT, donne, diversamente abili, che si verificano con cadenza pressoché quotidiana in tutto il Paese» .

La manifestazione di ieri era anche contro l’ordinanza “antiprostituzione” del sindaco Latini: «Simili provvedimenti costituiscono gravi offese alle nostre identità, alle nostre libertà, oltre ad essere maldestri tentativi d’imposizione reazionaria di una cultura maschilista, sessista, fallocentrica e patriarcale, travolta inevitabilmente dal corso del tempo».

«Voi nei palazzi noi nelle piazze! Una piazza bellissima e partecipata, nonostante la pioggia! Tantissimi giovani per il ddlZan e contro l’ordinanza discriminatoria del sindaco di Terni». Scrive su Facebook il consigliere comunale di terni, Alessandro Gentiletti.

 

1 Commento

  1. Gli idranti no????? E le manganellate neanche. Questi sono tutti immuni si dirà!!! Portatori insani di virus inclusivo ed arcobaleno. E da Rimini li prendono anche per il cubo, loro che sono altrettanto inclusivi, emancipati e democratico.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*