SCLEROSI MULTIPLA, LA RICERCA E LE NUOVE TERAPIE POSSIBILI IN UN CONVEGNO

logo aismdi Laura Santi (UJ.com3.0) PERUGIA – Ritorna la “Settimana AISM” promossa in tutto il territorio nazionale per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla SM; con essa tornano gli appuntamenti delle sezioni provinciali per fare il punto sulla malattia. A Perugia, il Convegno Scientifico annuale promosso dalla sezione provinciale di AISM è in programma sabato 1° giugno, alle 15,30 presso la Sala del Collegio di Sant’Anna di Viale Roma. Tema dell’edizione 2013 del Convegno, “la Sclerosi Multipla: tra riabilitazione e nuove terapie”.

Aprirà i lavori alle 15.30 Paolo Calabresi, Responsabile della Clinica neurologica dell’Università degli Studi di Perugia, accanto alla presidente di sezione Adriana Grigi che darà il saluto al pubblico e introdurrà il convegno. Subito a seguire, le novità della ricerca in un campo, quello della SM, quantomai prolifico, specialmente negli ultimi anni con la scoperta e la messa a punto di nuove terapie, impensabili fino a pochi anni fa. “Le novità della ricerca” sarà appunto il tema affrontato a tutto campo da Paola Sarchielli, neurologa e ricercatrice presso l’Università degli Studi di Perugia. Le possibili correlazioni con patologie venose quali la CCSVI saranno illustrate da Gabriela Cardaioli, in forza alla stessa Clinica Neurologica dell’Università di Perugia.
Nuove frontiere in ambito terapeutico non significa soltanto la possibilità di intervenire sul decorso della malattia, ma anche la scoperta, o l’applicazione di molecole già conosciute, per il trattamento dei sintomi; applicazione spesso dibattuta in quanto coinvolge aspetti etici, bioetici, legali. In prima linea è la tematica “cannabinoidi”, con tutto ciò a essa connesso. Di “Terapia sintomatica con i cannabinoidi” parleranno ancora neurologi, ricercatori e specializzandi in forza alla Clinica Neurologica; mentre di “Terapia con Fampridina”, del meccanismo d’azione e della sua efficacia clinica, parerà in particolare Maria Di Gregorio.

Dopo il coffee break si farà luce su uno degli aspetti più delicati e importanti – e spesso sottovalutati in ambito Welfare pubblico – della SM, la riabilitazione. Di stato della riabilitazione in Umbria, delle sue prospettive presenti e future parleranno due massimi esperti, Maurizio Massucci (Responsabile Riabilitazione Intensiva Ospedaliera Ausl Umbria 1) e Mauro Zampolini (Dipartimento Riabilitazione Ausl Umbria2). Si andrà anche a toccare un tema delicato e su cui la ricerca ancora pone molti interrogativi, la SM secondariamente progressiva: i bisogni delle persone con SM progressiva saranno raccontati da Maria Grazia Celani, neurologa in forza alla Neurofisiopatologia dell’Azienda Ospedaliera perugina.
Infine, lo “Scenario terapeutico della SM”: illustrerà tale scenario, gli orizzonti possibili, gli interrogativi ancora inevasi e le prospettive future, Massimiliano Di Filippo, ricercatore e neurologo presso la Clinica Neurologica dell’ateneo perugino.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*