Marco Squarta, mi vaccinerò per senso di responsabilità verso me e gli altri

 
Chiama o scrivi in redazione


Marco Squarta, mi vaccinerò per senso di responsabilità verso me e gli altri

Marco Squarta, mi vaccinerò per senso di responsabilità verso me e gli altri

di Marco Squarta*
Anche a costo di un essere impopolare voglio dire come la penso sul vaccino in arrivo. Ho letto alcuni commenti al mio precedente post e sono rimasto senza parole. Non comprendo, e lo scrivo con il massimo rispetto per chiunque, questa diffidenza nei confronti della scienza, che tante volte ci ha salvati.

Si ricorrono tesi complottiste che non hanno alcun riscontro con l’evidenza scientifica, e si dà credito a personaggi che non hanno alcun titolo per esprimere contrarietà. La scienza ha permesso a tutti noi di avere un’aspettativa di vita quasi doppia rispetto a 100 anni fa. I vaccini ci hanno consentito di debellare malattie invalidanti e mortali.
© Protetto da Copyright DMCA

Nessuno, credo, vuole mettere a rischio la salute dell’uomo, tanto più che con i mezzi di comunicazione attuali sarebbe impossibile tenerlo nascosto. Lascio parlare di scienza chi ha studiato. Medici, biologi, scienziati. Loro e solo loro possono parlare di vaccini e controindicazioni. Il resto lo lascio ai programmi trash ai quali ormai ci siamo abituati, nei quali tutti, senza alcun titolo, possono parlare. In Gran Bretagna è stato somministrato un milione di vaccini.

Da noi sono arrivati appena 16 mila dosi che basteranno fino a gennaio. Dobbiamo correre, perché vaccinarsi è l’unica via che abbiamo per ricominciare a vivere. Mi vaccinerò per senso di responsabilità nei confronti di me stesso e di chi mi circonda. Assumere una Tachipirina per far scendere la febbre non è meno rischioso, solo che lo date per scontato. Riflettete su questo, basta leggere il bugiardino.

*Presidente Assemblea Legislativa dell’Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*