Il primo festival umbro sulla violenza di genere, Fucsiart

Il primo festival umbro sulla violenza di genere, Fucsiart. Scrittura, performance, teatro, danza e musica.

Il primo festival umbro sulla violenza di genere, Fucsiart

L’associazione Liberamente…donna organizza il primo festival artistico umbro sui temi della violenza di genere e dell’empowerment femminile, che avrà luogo a Perugia, Terni e Gubbio da giovedì 7 a domenica 10 ottobre.

Fonte Ufficio Stampa
Fucsiana Liberanda


  • Il festival

Il festival coinvolge diverse forme d’arte: scrittura, performances, teatro, danza e musica, in forma di presentazioni, spettacoli, laboratori, incontri, party.  Inoltre domenica ci saranno un motogiro e l’incontro con l’associazione WIMA (gruppo italy), la più grande associazione di motocicliste al mondo.

Saranno presenti artistə da Italia ed Europa per un weekend ricco di eventi formativi, culturali, inclusivi e interattivi.

Il festival è stato pensato come occasione di incontro e di apertura tra l’associazione che da anni lavora nella gestione dei CAV (centri antiviolenza) e la cittadinanza, consapevoli che per combattere la violenza maschile sia fondamentale non solo aiutare le donne nel loro percorso di fuoriuscita dalla violenza ma anche sradicare in profondità il sistema patriarcale che avvolge le nostre vite. Vogliamo in questo modo raccontare la violenza di genere attraverso la bellezza e la perfezione dell’arte, conoscere e rafforzare l’autodeterminazione attraverso le proprie passioni, l’autonomia di pensiero e l’esempio di altre donne, racchiudendo il tutto in un festival unico nel suo genere in Umbria.

  • Il manifesto

Il nostro manifesto: “Fucsiart nasce dall’urgenza di raccontare la violenza di genere che impregna la nostra quotidianità, nelle sue molteplici forme. Fucsiart nasce dall’urgenza di far trasparire la normalizzazione di una violenza endemica – che normale non deve più essere. Fucsiart nasce per mostrare la realtà attraverso sguardi senza filtri. Fucsiart si serve di linguaggi artistici e performativi per mostrare – in una prospettiva artivista – il doloroso fardello del sistema patriarcale ma anche il suo capovolgimento. Fucsiart apre uno squarcio sulla rete dei servizi-antiviolenza, su una lotta quotidiana che è una lotta politica – volta allo sradicamento di un sistema infestante. Fucsiart racconta la lotta transfemminista per l’autoderminazione, la scelta, la riappropriazione dei nostri corpi e della nostra sessualità. Fucsiart è un percorso esperienziale che tende verso la libertà”.

Fucsiart è organizzato da Liberamente…donna con la direzione artistica di Andy Gio aka Elena Giovagnoli.

La pagina fb è Fucsiart, Ig: fucsiart-festival.

Per partecipare sono necessari la prenotazione via mail e il green pass.

Scrivere a: fucsiart1@gmail.com

Fucsiart, il primo festival umbro sulla violenza di genere

 

  • IL PROGRAMMA

 

Giovedì 7 Ottobre Perugia

 

Ore 20.45 Cinema Meliès: Proiezione del film/documentario: Una primavera di Valentina Primavera e incontro con la regista. Opera prima della regista che vive e lavora a Berlino, che racconta la decisione della madre di lasciare il marito violento, un’opera toccante e mai scontata, già premiata al Biografilm festival e in altri festival europei.

 

Venerdì 8 Ottobre – Perugia

 

Ore 17.30: Auditorium santa Cecilia: Poetiche e politiche dell’osceno, la post pornografia tra arte, attivismo e intrattenimento con Slavina, pornoattivista e transfemminista, docente di studi di Genere all’Uni di roma Tre.

 

ORE 20.45 Auditorium Santa Cecilia: Artivistə contro la sierofobia: Un antispettacolo, Performance/cabaret dei Conigli Bianchi. E’ possibile rovesciare 40 anni di tabù e trasformare la paura in potere? Cosa si prova a scoprire che le ultime persone al mondo in grado di trasmettere il virus Hiv sono proprio quelle che già ci convivono e si curano?

 

Sabato 9 Ottobre Perugia /Terni

 

TERNI- ORE 17.00 Casa delle Donne di Terni: Proiezione del film Una primavera di Valentina Primavera e incontro con la regista.

 

PERUGIA- ORE 9.30 Officine Fratti: Liberamente donna incontra la cittadinanza: alcune rappresentanti dell’associazione e le operatrici in dialogo con le cittadine e i cittadini sul lavoro dei CAV e gli obbiettivi dell’associazione.

 

ORE 15.00 Officine Fratti: Gioco di sguardi – dove inizia il contatto? Laboratorio di sperimentazione post-pornografica. Cosa nasconde uno sguardo? Cosa puó svelare? Esiste una grammatica dell’occhiata? Se è vero che gli sguardi sanno dire cose che le bocche non riescono a pronunciare, quanto siamo capaci di raccoglierle, interpretarle, reagire? – Aperto e tutt*-

 

ORE 18.30 Umbrò: presentazione del libro Le Conseguenze. I femminicidi e lo sguardo di chi resta. Il libro è un reportage lungo tre anni che racconta, attraverso le parole di chi sopravvive al femminicidio, gli esiti drammatici della violenza di genere. Incontro con l’autrice Stefania Prandi (giornalista, scrittrice e fotografa vincitrice di prestigiosi premi come National Geographic Emergency Journalism, Otto Brenner Preis) in dialogo con Andy Gio e Elena Bistocchi.

 

ORE 21.30 Officine Fratti: Electrofucsia party Queer con DJ Debs Mkn Brigade (pop/elettrovica/disco funky) e Donna Là d j (Cumbia Queer/trash).

 

Domenica 10 Ottobre Perugia/Gubbio

 

ORE 10.30 Palazzo Penna: ritrovo presso l’unica scultura dedicata alle donne e breve racconto sulle donne che hanno fatto la storia in Umbria.

 

ORE 12.00  Fucsiando in moto: motogiro da Perugia a Gubbio, percorso panoramico per la strada SR 298.

 

GUBBIO- ORE 16.00 Teatro Cesare Ronconi, Fucsiando a teatro: incontro con la presidente di WIMA Italy, Rosaria Fiorentino. WIMA (women international motorcycles) è il più grande gruppo di motocicliste al mondo. Sponsor ufficiale dell’evento evento Racestore srl.

+  Performance Rosa Assolo, un monologo ironico e autoironico su cosa vuol dire essere donna e andare in moto, di e con Andy Gio

+ Performance di danza Bharatanāțyam: Nuda Veritas, Nuda. La verità di un sistema in cui abusi e molestie di genere sono abitudine silenziosa. Mostra però, con potenza uguale e contraria – la rabbia, la forza, la lotta per il cambiamento. Unitə. Di e con Collettiva Dhuni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*