E’ morta Serena Innamorati, il cordoglio della presidente Marini

 
Chiama o scrivi in redazione


E’ morta Serena Innamorati, il cordoglio della presidente Marini

© Protetto da Copyright DMCA

E’ morta Serena Innamorati. Il mondo politico, sindacale e culturale è in lutto. Innamorati ha vissuto per tanti anni lavorando alla Biblioteca Augusta di Perugia, ma è stata anche dirigente sindacale nella Cgil, impegnata nei partiti di sinistra fino al Pd-

“Mi addolora profondamente la notizia della morte di Serena Innamorati. In questo momenti di grande dolore vorrei prima di tutto esprimere il mio più sincero cordoglio e vicinanza a tutta la sua famiglia, dal padre Francesco Innamorati, al marito Massimiliano, al figlio, alla sorella ed al fratello”. Cos la presidente ella Regione Umbria, Catiuscia Marini, ha voluto esprimere le sue condoglianze per la scomparsa di Serena Innamorati.

“Persona di grande intelligenza e cultura, appassionata, generosa, – ha scritto la presidente Marini – Serena ha offerto sempre un contributo prezioso innanzitutto per la crescita della conoscenza e dell’istruzione, nei tanti ruoli che ha ricoperto, a partire dalla Biblioteca Augusta di Perugia, dove per lunghi anni è stata archivista, bibliotecaria e infaticabile animatrice della vita culturale cittadina.

In questi ultimi anni, poi, l’ho molto apprezzata per il suo servizio svolto a Bruxelles al Parlamento Europeo.

La ricordo con particolare commozione nel suo impegno politico e civile, come militante della sinistra storica, dirigente sindacale e poi all’interno del PD, al quale ha dedicato enormi energie soprattutto impegnandosi in una costante lotta per l’emancipazione della donna e nella difesa strenua dei diritti di libertà della persona.

Serena ci mancherà, e mancherà moltissimo alla sua famiglia alla quale mi stringo con affetto, ma ci conforta il ricordo della sua testimonianza di vita che sarà per ciascuno di noi stimolo e incoraggiamento per un costante impegno politico e civico, come lei ci ha insegnato”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*