Nibbio: effettuato il 100esimo volo

Nel pomeriggio di giovedì 23 maggio l’elisoccorso dell’Umbria ha compiuto il centesimo intervento

Nibbio: effettuato il 100esimo volo

Nibbio: effettuato il 100esimo volo

Nel pomeriggio di giovedì 23 maggio Nibbio si è alzato in volo per compiere il centesimo intervento dalla prima missione di salvataggio effettuata il 3 marzo scorso. E’ volato in direzione Spoleto per soccorrere un uomo di 60 anni caduto da cavallo e trasportato all’ospedale di Perugia.

Il servizio di Elisoccorso regionale, inaugurato a fine febbraio, ha all’attivo 100 interventi (circa 1,2 al giorno), 78 dei quali conclusi a buon fine e 22 annullati causa condizioni metereologiche avverse oppure per intervento immediato dei soccorsi via terra e quindi non più necessario.

Delle 100 missioni 75 sono state effettuate nella provincia di Perugia e 25 in quella di Terni. Dei 78 soccorsi conclusi a buon fine, 66 sono interventi di soccorso primari e 12 secondari che riguardano il trasporto sanitario di pazienti ricoverati da un ospedale all’altro, 6 dei quali fuori Umbria.

Nel dettaglio, spiega il dottor Francesco Borgognoni, direttore della Centrale unica regionale del 118: «Abbiamo soccorso con Nibbio 33 pazienti traumatologici, 41 con patologie mediche, 2 pazienti ustionati e 2 annegamenti. Tra questi abbiamo avuto solo 5 bambini. Sono state 15 le missioni in zone im-pervie attivando la procedura di salvataggio speciale con il verricello, discesa e salita della barella e del doppio soccorritore, oppure la discesa dei sanitari in hovering. Tale manovra speciale – continua Borgognoni – consiste nello sta-zionamento in volo dell’elicottero e prevede l’appoggio a terra di un solo patti-no. Questa tecnica di volo viene utilizzata solo in particolari situazioni e quan-do non è possibile eseguirne altre. La manovra comporta elevati rischi, so-prattutto nella discesa e nel recupero di persone».

Alle missioni di soccorso collabora attivamente anche il personale tecnico del SASU – Soccorso Alpino Speleologico Umbria – presente a bordo di Nibbio.
«Ogni missione speciale viene fatta sotto la supervisione del tecnico di elisoccorso – spiega Matteo Moriconi presidente SASU Umbria – e ogni membro dell’equipaggio ha un ruolo ben definito. Quando si è in volo il team leader è il pilota che ha la competenza aeronautica e la responsabilità del volo, una volta sbarcato l’equipaggio, la responsabiltà passa al tecnico SASU che si occupa della sicurezza a terra del medico, dell’infermiere e del paziente, mentre per la gestione sanitaria, il team leder è il medico che viene costantemente coadiuvato dall’infermiere. La buona riuscita di ogni missione è il frutto della sinergia e collaborazione di ogni componente dell’equipaggio».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*