FOTO OMICIDIO A MARSCIANO

[wzslider autoplay=”true” info=”true” lightbox=”true”]

(umbriajournal.com) MARSCIANO – Alla base dell’omicidio un motivo passionale e forse anche economico. E per questo motivo sarebbe stato “ammazzato” a colpi di bastone. Roberto Burnelli è il suo nome. Età 51 anni. Burnelli era titolare di un’azienda agricola con una rivendita di frutta e verdura poco distante dall’uscita della superstrada. L’uomo è stato trovato morto un capannone vicino casa a Marsciano.  Secondo le prime informazioni sarebbe stato ucciso questa mattina  intorno alle 6 in località Cerro a colpi di bastone, ma gli accertamenti medico-legali sono ancora in corso.
Le indagini sono svolte dai carabinieri di Marsciano che hanno anche organizzato una vasta battuta, in collaborazionecon i militari della Compagnia di Perugia e di Todi, per rintracciare il presunto assassino, un altro marscianese ben conosciuto dal Burnelli. Sul posto anche il colonnello Angelo Cuneo.Vittima e assassino sono originari del posto e avrebbero un legame tra loro.

Dalle prime indiscrezioni alla base della lite mortale, come detto, ci sarebbe la gelosia. I carabinieri stanno cercando l’ex marito di una dipendente dell’imprenditore. Il presunto assassino avrebbe aggredito Burnelli per gelosia, sospettando che la vittima avesse una relazione con la ex moglie. L’assassino si sarebbe allontanato a bordo di un furgoncino. L’assassino, secondo quanto riferito da molti testimoni, sarebbe un uomo violento ben conosciuto in paese e più volte denunciato. Il 51enne – sempre detto dalle voci dei testimoni vicini – sarebbe stato minacciato più volte dall’uomo che l’avrebbe ucciso.

Si apprende successivamente che una donna era presente al momento dell’omicidio del 51enne, stamane a Marsciano, e sarebbe stata lei a dare l’allarme suonando al citofono dei vicini. La donna, al momento ricoverata sotto choc, si era recata al capannone di Burnelli per caricare frutta e verdura che vendeva al mercato di Perugia quando e’ arrivato l’aggressore che ha colpito il 51enne in testa con un oggetto contundente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*