Alessandrini e Caparvi (Lega): obiettivo garantire scuola sicura in presenza

 
Chiama o scrivi in redazione


Alessandrini e Caparvi (Lega): obiettivo garantire scuola sicura in presenza. "In Umbria vaccinato 84% del personale scolastico."

Alessandrini e Caparvi (Lega): obiettivo garantire scuola sicura in presenza

“In Umbria l’84% del personale scolastico è stato già vaccinato ed è ragionevole auspicare che a settembre, in vista della ripartenza dell’anno scolastico, la quasi totalità dei docenti sarà immunizzata. I dati della nostra regione testimoniano ancora una volta quanto il mondo della scuola stia contribuendo in maniera determinante per garantire lezioni in presenza”. Così il vicesegretario regionale Lega Umbria, responsabile del dipartimento Scuola, Sen. Valeria Alessandrini e il segretario regionale Lega Umbria, On. Virginio Caparvi.

“Non possiamo ipotizzare di nuovo di ricorrere alla didattica a distanza – sottolineano i leghisti – non è pensabile condannare ancora i nostri ragazzi ad una socialità mediata dallo schermo di un pc. Nonostante anche il Comitato tecnico scientifico si sia espresso in favore delle lezioni in presenza, c’è chi ancora mostra inspiegabilmente delle reticenze.

Rispetto a 12 mesi fa la situazione è radicalmente cambiata: i tamponi salivari sono diventati più affidabili, non sono invasivi e sono uno strumento valido per monitorare i contagi nelle scuole. Inoltre dall’insediamento del Governo Draghi, il Ministero dell’Istruzione ha avviato o autorizzato interventi infrastrutturali sul patrimonio edilizio scolastico per un totale di oltre due miliardi e mezzo di euro, progetti di medio-lungo periodo che incideranno in maniera decisiva anche sull’avvio in sicurezza del prossimo anno scolastico”.

LEGGI ANCHE – Scuola: i presidi Andis dicono sì all’obbligo di Green Pass

“Questi investimenti – aggiungono Alessandrini e Caparvi –  si concentrano principalmente sulla sicurezza strutturale delle scuole, sull’adeguamento antisismico e sull’efficientamento energetico. In questi mesi il governo, ascoltando il grido di allarme della categoria, ha anche abbassato da cinque a tre anni il vincolo di permanenza degli insegnanti e ha provveduto ad anticipare le procedure di mobilità e immissione in ruolo dei docenti e del personale per evitare i classici ritardi che caratterizzano da sempre l’inizio dell’anno scolastico”.

“Molto è stato fatto – concludono – e grazie all’impegno della Lega e del sottosegretario all’Istruzione Sasso, continueremo a lavorare in questa direzione, operando anche in sinergia con il dicastero competente, per risolvere il nodo ‘trasporto pubblico’. L’obiettivo per settembre è garantire una scuola sicura, in presenza e con tutti i docenti in cattedra e al loro posto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*