Zaffini, presidenza Aifa profilo simile Palù ma carattere migliore

'Un'idea ce l'ho ma non la dico', dice il presidente della commissione sanità

Zaffini, presidenza Aifa profilo simile Palù ma carattere migliore 

Zaffini, presidenza Aifa profilo simile Palù ma carattere migliore 

Per la presidenza dell’Agenzia italiana del farmaco “ho qualche idea, ma me la tengo. Penso a una persona con un profilo, un curriculum e un prestigio simili a quelli del presidente dimissionario Giorgio Palù ma più disponibile e con un carattere migliore”. Così all’Adnkronos Salute il presidente della Commissione Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato di Palazzo Madama, Francesco Zaffini, che torna sul tema della poltrona, ora vacante, del presidente Aifa, dopo il polemico addio di Palù.

“Niente da dire – continua Zaffini – sul curriculum professionale e umano di Palù. Il mio rispetto rimane inalterato. Ma è stato scelto il momento peggiore per andar via. Proprio nel momento in cui l’Aifa è stata ristrutturata, riformata la governance, assegnati al presidente funzioni importanti di rappresentanza legale. Proprio ora Palù dice: ‘me ne vado perché un anno di carica non mi è sufficiente’. Per 5 anni è stato ‘un soprammobile’, ora che il suo ruolo diventava fondamentale fa le valige. Non mi è sembrava il momento”.

**Sanità: Zaffini a Rappuoli, ‘momento sbagliato per andar via, c’è piano pandemico’**

“Mi sembra il momento peggiore per lasciare l’Italia. Non vedo immobilismo rispetto ai rischi pandemici. Il ministro della Salute, Orazio Schillaci, nel suo primo anno di incarico ha realizzato un piano che aspettavamo da tempo, da tantissimo tempo. Non mi sembra il momento più opportuno per abbandonare la barca”. Così all’Adnkronos Salute il presidente della Commissione Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato di Palazzo Madama, Francesco Zaffini risponde alla ‘minaccia’ di Rino Rappuoli, massimo esperto mondiale di vaccini, di lasciare l’Italia se non diventerà operativo il Biotecnopolo di Siena, fondazione di ricerca che ospita il Centro nazionale antipandemico, di cui proprio Rappuoli è stato nominato direttore, varato nell’agosto 2022 e ancora in stallo.

“Oggi c’è un ministro sensibile, attento, che sta lavorando anche in relazione con l’Europa. Ovviamente rispetto le decisioni personali ma ribadisco che il momento è sbagliato”, conclude.

(Ram/Adnkronos Salute)

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*