Tesei l’ha spunta su Verini & C, Prociv regionale invia dati reali, guardate!

 
Chiama o scrivi in redazione


Tesei l'ha spuntata, Prociv invia ventilatori, mascherine e camici

Tesei l’ha spunta su Verini & C, Prociv regionale invia dati reali, guardate!

Dopo giorni di contatti, telefonate, conference call, la presidente dell’Umbria, dimostrando una caparbietà notevole, l’ha spuntata su Verini e Company. La protezione civile regionale ha ricevuto, dal Dipartimento nazionale, le seguenti forniture. A parte la “povertà” dell’invio – quasi che fossimo figli di un dio minore – date uno sguardo a come è messa la tecnologia.

  • 5 ventilatori per terapia intensiva;
  • 3 ventilatori trasportabili;
  • 2 ventilatori per terapia sub intensiva;
  • 268.000 mascherine modello “Montrasio” rettangolari;
  • 208.000 mascherine a conchiglia chirurgiche;
  • 30.000 mascherine FFP2;
  • 1700 camici visitatori.

Nello specifico si evidenzia che: n. 2 respiratori da terapia intensiva (modello Draeger Savina) sono già stati destinati all’ospedale di Città di Castello e sono funzionanti;

n.3 respiratori da terapia intensiva (modello Draeger Savina), secondo quanto riferito dai tecnici sanitari a cui sono stati inviati, devono essere oggetto di adeguamento degli attacchi dell’ossigeno in quanto differenti perché provenienti da Paesi che utilizzano attacchi diversi. Il relativo materiale necessario a tale adeguamento è già stato ordinato dalla Protezione civile regionale;

n.3 respiratori da trasporto (modello Draeger Oxilog), sempre secondo quanto riferito dai tecnici sanitari a cui sono stati inviati, benché funzionanti non sono dotati di batterie e pertanto possono essere utilizzati solamente se attaccati alla rete elettrica. Tali respiratori, inoltre, hanno tutte le grafiche in lingua cinese; anche in questo caso si è provveduto ad ordinare sia le batterie sia i moduli in lingua italiana;

n.2 respiratori da sub intensiva (modello Philips) sono già stati destinati al reparto MIV dell’ospedale di Perugia e sono funzionanti.

Relativamente alle mascherine modello “Montrasio” di tipo rettangolare, su indicazione del Dipartimento nazionale di Protezione civile sono state inizialmente distribuite ai reparti sanitari, ma occorre precisare che le stesse successivamente sono state oggetto di lamentele relativamente al loro utilizzo in ambito ospedaliero e pertanto distribuite ad altri soggetti.

C’è da capire, quindi, chi ha ragione allora. I dati forniti da Verini dicono una cosa e quelli diffusi dalla Regione/Prociv sembrano altro…vedremo

Dati da coinfrontare

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*