Terapie intensive al collasso in Umbria, aumentano ancora i ricoveri

 
Chiama o scrivi in redazione


Terapie intensive al collasso in Umbria, aumentano ancora i ricoveri

Terapie intensive al collasso in Umbria, aumentano ancora i ricoveri

Ospedali al collasso! Sono 73 i posti di terapia intensiva occupati (7 a Città di Castello, 8 a Foligno, 22 a Perugia. 15 a Spoleto, 21 a Terni) che a fronte dei 130 posti disponibili in tutti gli ospedali umbri fanno schizzare il tasso di occupazione a oltre il 56 per cento.

© Protetto da Copyright DMCA

Sono i dati aggiornati al 7 febbraio che hanno visto anche 26 nuovi pazienti ricoverati in regime ordinario in un solo giorno, portando il totale a 484,  E mentre oggi scatta la zona rossa in tutta la provincia di Perugia e nei 6 comuni della provincia di Terni, la situazione negli ospedali umbri non è delle migliori. Mai così alto dall’inizio della pandemia.

Intanto sabato è stato consegnato ufficialmente alla gestione dell’ospedale “Santa Maria della Misericordia” di Perugia di cui diverrà un reparto, dopo il collaudo da parte dei tecnici preposti, l’ospedale da campo della Regione Umbria, al momento installato nei pressi dell’Ospedale perugino.

“Una struttura, di cui si è dotata la Regione Umbria che è e sarà estremamente utile nelle emergenze, Covid e non”, ha affermato la Presidente Donatella Tesei che ha espresso soddisfazione per la realizzazione del progetto nato dall’idea della stessa Regione e finanziato dalla Banca d’Italia.

Alle operazioni di collaudo, avvenute prima della messa a disposizione dell’Azienda Ospedaliera del capoluogo, ha assistito anche l’assessore regionale alla Protezione Civile Enrico Melasecche. “Siamo riusciti – ha detto – a portare a compimento un ottimo e utile progetto per l’intera comunità regionale, nonostante la complessità del momento emergenziale che influisce sulla possibilità e sulle tempistiche di trovare le attrezzature necessarie, in una fase in cui in tutto il mondo cerca di accaparrarsi strutture e apparecchiature di questo genere”.

“La struttura – ha detto il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, Marcello Giannico –  permette di ampliare l’offerta di posti letto anche in terapia intensiva dedicati al Covid, divenendo di fatto un nuovo reparto dell’ospedale Santa Maria della Misericordia”.

La struttura è composta da 10 posti di terapia a bassa intensità, 16 di terapia subintensiva e 12 di terapia intensiva, dotato di macchinari di ultima generazione e attualmente collegato con i gas medicali dell’ospedale così come i report dei macchinari vengono caricati in remoto sul computer dell’Azienda Ospedaliera.

“La struttura campale strategica – ha affermato il Direttore regionale Stefano Nodessi – potrà tornare utile anche per future emergenze. Ad oggi è un tassello fondamentale della cura del Covid, a tal proposito vorrei sottolineare che, oltre a strutture del genere, per debellare e prevenire il virus è necessario tenere comportamenti responsabili, anche rispettando le restrizioni dell’ultima ordinanza. Un sacrificio necessario che dobbiamo fare”.

A livello tecnico, l’ospedale da campo è dotato sia di riscaldamento che aria condizionata, nonché di gruppi di generazione in grado di farlo funzionare anche in caso di mancanza energia elettrica. È altresì attrezzato di 5 serbatoi di acqua, per un totale di 26000 litri, che gli permettono di funzionare in tutte le condizioni: le acque vengono depurate in ingresso e anche, per motivi di maggiore sicurezza per l’ambiente esterno, in uscita. Si tratta di una struttura ospedaliera a tutti gli effetti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*