Staminali: spermatozoi vitali da cellule congelate anche dopo 20 anni

Studio apre nuove speranze per i ragazzi più giovani colpiti da un cancro

Staminali: spermatozoi vitali da cellule congelate anche dopo 20 anni 

Staminali: spermatozoi vitali da cellule congelate anche dopo 20 anni 

Le cellule staminali spermatogeniche (Css), quelle che maturando danno origine agli spermatozoi, riescono a produrne di vitali anche quando vengono congelate e poi scongelate dopo più di vent’anni. Lo ha dimostrato uno studio condotto dal team di Eoin Whelan della School of Veterinary Medicine dell’università della Pennsylvania, Usa, pubblicato su ‘Plos Biology’. Benché le Css crioconservate per molto tempo garantiscano risultati inferiori in termini di fertilità, la ricerca potrebbe avere importanti implicazioni per i ragazzi colpiti dal cancro in età prepuberale.

Prima della chemioterapia si potrebbe infatti prelevare dai giovani pazienti del tessuto testicolare, da congelare per un eventuale reimpianto futuro.

Un reimpianto che potrebbe funzionare anche molto tempo dopo, indicano ora Whelan e colleghi. Gli scienziati hanno provato a scongelare Css di ratto crioconservate in laboratorio per più di 23 anni, reimpiantandole in quelli che vengono chiamati ‘topi nudi’ perché privi di risposta immunitaria così da essere a prova di rigetto.

I ricercatori hanno quindi confrontato la capacità delle Css congelate a lungo di generare spermatozoi vitali, con la stessa capacità di Css congelate solo per pochi mesi e di Css appena prelevate. Gli autori hanno così scoperto che le staminali congelate per oltre due decenni erano ancora in grado di colonizzare il testicolo del topo ospite e di generare tutti i tipi cellulari necessari per la produzione di spermatozoi vitali, anche se in modo meno robusto rispetto alle cellule staminali spermatogeniche raccolte più di recente.

(Opa/Adnkronos Salute)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*