Si aggrava minaccia ceppi resistenti fungo Candida auris, 300 casi

Circolare ministero, al Gemelli il Laboratorio nazionale di riferimento

Si aggrava minaccia ceppi resistenti fungo Candida auris, 300 casi

Si aggrava minaccia ceppi resistenti fungo Candida auris, 300 casi

Si aggrava minaccia – “Nel mondo, la minaccia rappresentata dalla diffusione di ceppi resistenti del fungo C. auris continua ad aggravarsi. Infatti, C. auris è resistente ai trattamenti antimicotici di uso comune, inclusi azoli, echinocandine e polieni, e agli usuali prodotti antifungini per la pulizia delle superfici. Inoltre, è difficile da diagnosticare mediante i metodi di laboratorio standard, che facilmente inducono a errori di identificazione e conseguente gestione inappropriata dei casi di infezione o colonizzazione”.

Parte da questa premessa la circolare del ministero della Salute, firmata dal direttore generale della Prevenzione Gianni Rezza, che aggiorna la situazione epidemiologica relativa ai casi di Candida auris in Italia e istituisce il Laboratorio Nazionale di Riferimento all’Unità operativa complessa di Microbiologia al Policlinico Gemelli di Roma.

In Italia, dal 2019, sono stati descritti e/o notificati sia casi importati che autoctoni di colonizzazione o infezione, per un totale di circa trecento casi, identificati nelle regioni Liguria, Emilia-Romagna e Veneto.

(Mad/Adnkronos Salute)

1 Commento

  1. Intanto imparare a santificare gli ospedali, se non c’è igiene lì dentro è un vero bordello e ahimè conosco bene che cosa voglia dire infezioni da batteri resistenti dovuta a negligenza sanitaria.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*