Sclerosi multipla, approvato Piano diagnostico terapeutico assistenziale

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus, Lega chiede, annullamento canone RAI alle strutture ricettive
Francesca Peppucci

Sclerosi multipla, approvato Piano diagnostico terapeutico assistenziale

“La Giunta regionale ha approvato il Piano diagnostico terapeutico assistenziale (Pdta) per le persone con Sclerosi multipla: questa è una vittoria per tutti gli umbri”, così il consigliere regionale Francesca Peppucci (Lega) che spiega come “Il Pdta permetterà la presa in carico individualizzata delle persone che hanno questa patologia in tutte le sue fasi”. Per l’esponente della maggioranza si tratta di “un importante risultato per la nostra regione e per le circa 1800 persone che in Umbria sono affette da Sclerosi multipla, patologia neurodegenerativa, complessa, cronica, con un evidente impatto sociale, che colpisce il giovane adulto tra 20 e 40 anni.

Una malattia – ha spiegato Peppucci – caratterizzata da una reazione anomala delle difese immunitarie che attaccano i componenti del sistema nervoso centrale”. “L’approvazione del Pdta – commenta Peppucci – è un risultato che si è potuto raggiungere grazie all’attività di un gruppo di lavoro composto da figure professionali delle Aziende sanitarie regionali e con il supporto di Aism (Associazione italiana sclerosi multipla). Un passo avanti per affermare i diritti delle persone con Sclerosi multipla, in particolare quelli legati alla salute”.

“Troppo spesso – aggiunge Peppucci – chi è affetto da Sclerosi multipla, per trovare le risposte relative alla sua condizione, deve rivolgersi a moltissimi soggetti, come l’ospedale, il medico di medicina generale, i servizi sociali, le Asl. Il Pdta nasce con lo scopo di definire il miglior percorso di cura e assistenza per una specifica malattia, in tutte le sue fasi. Il Piano diagnostico terapeutico assistenziale, approvato dalla Regione Umbria – spiega – va a definire nella prima parte ‘Diagnosi e Terapia’, nella seconda ‘gli aspetti riabilitativi e assistenziali’.

Nella delibera della Giunta regionale è stato dato inoltre mandato alle Aziende USL e Ospedaliere di procedere all’implementazione del Pdta in collaborazione con il gruppo di lavoro che lo ha elaborato”. “Il mio più grande ringraziamento, come consigliere regionale, cittadino e persona affetta da sclerosi multipla – ha concluso Peppucci – va alla presidente Donatella Tesei e all’assessore Luca Coletto, perché finalmente anche l’Umbria ha un percorso diagnostico terapeutico assistenziale per la sclerosi multipla”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*