Sauro Biscotto rieletto Presidente della Società Medica di Paraplegia

Ospedale di Perugia

Ospedale di Perugiadi Mario Mariano (Ufficio Stampa Az. Osp. Perugia)
A conclusione del 9° Corso Nazionale della Società Medica Italiana di Paraplegia, cui hanno partecipato oltre 300 delegati , tra i quali i maggiori esperti dei più importanti centri di Unita Spinali italiane, il Dottor Sauro Biscotto dirigente medico dell’Ospedale S. Maria della Misericordia , in servizio come Neuro-Urologo presso la Unità Spinale Unipolare della Azienda Ospedaliera di Perugia , è stato rieletto alla unanimità Presidente,dal Consiglio direttivo della società So.MI. Par per il prossimo triennio. Del nuovo Direttivo fanno anche parte la Dott.ssa Maria Cristina Pagliacci, sempre in servizio presso l’Unità Spinale del S.Maria della Misericordia ed il Dottor Luigi Caruso, eletto segretario della sezione di Chirurgia vertebrale , che opera nella S.C. di Ortopedia del nosocomio perugino. “La soddisfazione non è solo per il risultato personale conseguito , accolto con gratitudine in chi ha voluto apprezzare l’impegno profuso da tutto il personale della nostra Unità Spinale- dice il Dottor Biscotto- ,ma è indubbio che il Corso organizzato è stato di elevato livello scientifico- assistenziale. Il livello dei relatori ed i temi trattati hanno fatto emergere i punti di forza e di criticità dei nostri Centri “. Il Direttore della S.C. di Unità Spinale dell’Ospedale di Perugia Dottoressa Renée Maschke a commento dei tre giorni di lavoro ha sottolineato come il centro di Perugia sia all’avanguardia: ” Abbiamo ricevuto apprezzamenti da colleghi che operano in questo settore molto complesso e questo ci autorizza ad inistere in questa direzione , dove operiamo da 20 anni , con una attenzione speciale , perchè non potrebbe essere diversamente, alle persone con lesione midollare, che affluiscono ai nostri servizi non solo dell’Umbria ma anche delle regioni limitrofe. I risultati conseguiti sono il frutto di un lavoro di squadra con l’equipe multidisciplinare e multiprofessionale composta da medici di varia specializzazione (fisiatria, urologia, neurologia, medicina interna) fisioterapisti della riabilitazione, terapisti occupazionali, infermieri professionali, operatori socio-sanitari, assistente sociale e psicologa” Il 9 Corso stando agli organizzatori , ha rafforzato il convincimento che per migliorare le qualità , è indispensabile avvalersi di consulenti rianimatori, chirurghi vertebrali, chirurghi plastici, pneumologi, nutrizionisti, che trattando i pazienti con programmi di riabilitazione intensiva globale e utilizzando tecnologie innovative ne consentono il reinserimento domiciliare, sociale e a volte lavorativo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*