Sanità, Cristina Cenci, Cimo, in Umbria mancano 330 medici

Per il sindacato serve una riorganizzazione del sistema 

 
Chiama o scrivi in redazione


Sanità: Cimo, in Umbria mancano 330 medici 

Sanità, Cristina Cenci, Cimo, in Umbria mancano 330 medici

“In Umbria mancano oltre 330 medici, di cui 60 primari. Serve una riorganizzazione del sistema sanitario regionale che deve partire dal capitale umano”: a dirlo è la vice segretaria regionale di Cimo Umbria, Cristina Cenci. “Tutti gli operatori sanitari nell” emergenza Covid hanno dato tutto loro stessi, ma l” emergenza è stata affrontata al di sopra delle nostre forze e questo perché, come denunciamo da anni, mancano medici”, ha sottolineato Cenci. “Il rischio – ha aggiunto – è quello di erogare un servizio di pessima qualità e noi medici non lo vogliamo. Da più parti arrivano gridi di allarme.

Faccio un esempio. A Foligno i 24 posti letto Covid sono stati gestiti in aggiunta ai 36 di degenza ordinaria dallo stesso organico della Medicina. A Spoleto – ha detto ancora Cenci – sei dirigenti medici si sono fatti carico dei 32 posti letto Covid aperto per necessità regionali. A Perugia – ha aggiunto – gli anestesisti-rianimatori in questi mesi, da soli, hanno gestito l” ordinario e lo straordinario.
© Protetto da Copyright DMCA

L” hanno fatto nonostante le malattie, perché si sono ammalati pure loro e l” hanno fatto senza che venissero rimpiazzati con le assunzioni promesse di specializzandi e adesso non ce la fanno più, guardano con preoccupazione all” arrivo della terza ondata”.

“Il direttore generale Claudio Dario ha avuto modo di dire che il sistema sanitario regionale in questi anni è stato sorretto dai medici, allo stesso direttore Dario – ha detto Cenci – chiediamo di passare dalle parole ai fatti. Se veramente il sistema sanitario regionale si fonda sul suo personale, la riorganizzazione parte proprio dal personale. Chiediamo di pianificare insieme il futuro, ascoltando la voce di chi lavora sul campo, senza subire dall” alto riorganizzazioni che vadano ad accontentare la parte elettorale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*