Quanti e quali pronto soccorso in Umbria, ora lo dice l’applicazione Sanitapp

 
Chiama o scrivi in redazione


Quanti e quali pronto soccorso in Umbria, ora lo dice l’applicazione Sanitapp

La Regione Umbria punta alla digitalizzazione anche in sanità: si chiama Sanitapp il nuovo servizio telematico a disposizione dei cittadini per avere informazioni sui servizi sanitari, come la visualizzazione  su mappa dei pronto soccorso più vicini,  il numero e il colore del codice delle persone in attesa.  La funzionalità dell’’App e il progetto che ha portato alla sua realizzazione sono stati illustrati stamani nel corso di una videoconferenza dall’assessore regionale  alla Salute, Luca Coletto, dall’assessore allo Sviluppo economico, Innovazione, Infrastrutture tecnologiche, Michele Fioroni, dal direttore regionale alla Salute, Claudio Dario, dall’amministratore unico di Umbria Salute, Giancarlo Bizzarri, dall’amministratore unico di Umbria Digitale, Fortunato Bianconi.

© Protetto da Copyright DMCA

“L’innovazione digitale in sanità è il futuro – ha detto l’assessore Coletto – La Regione Umbria è fortemente impegnata per l’implementazione della telemedicina che ci permetterà di seguire a distanza i pazienti più fragili mantenendoli a casa e monitorando le loro condizioni a distanza”.

Coletto ha quindi spiegato che “l’App permette di conoscere la distanza dal Pronto soccorso più vicino attraverso la geolocalizzazione, nonché i tempi di attesa e i colori dei pazienti in attesa di essere visitati. Si tratta di un servizio utile per gli umbri – ha aggiunto –  ma anche per tutti coloro che, trovandosi in Umbria, avranno la necessità di recarsi al pronto soccorso”.

Per l’assessore Fioroni secondo il quale l’App rappresenta la testimonianza di una visione sempre meno compartimentata dell’attività degli assessorati regionali e delle agenzie Umbria Salute e Umbria digitale, “è stato in poco tempo creato un contenitore digitale dentro il quale si inseriranno sempre più servizi e che rappresenta un passo importante di digitalizzazione in sanità, ma che, nel tempo, riguarderà ambiti diversi”.

L’App, che è visibile nelle piattaforme utilizzate da tutti i cittadini,  “consentirà – prosegue Fioroni –  di attivare molti servizi, alcuni dei quali sono ancora nascosti, visto che saranno implementati di volta in volta”.

Concludendo l’assessore Fioroni ha detto che “SanitApp è un primo esempio di come, anche nel pubblico, si possa decidere di creare un nuovo prodotto frutto di una collaborazione che parte a livello politico tra due assessorati e le diverse agenzie, in una logica progressiva di collaborazione con le strutture tecniche regionali”.

Nel progetto SanitApp – come hanno spiegato l’amministratore di Umbria Digitale, Giancarlo Bizzarri, e di Umbria Salute, Fortunato Bianconi –  sono stati coinvolti anche i sistemi informativi delle aziende sanitarie regionali che in poco tempo, grazie ad aggiornamenti, in modo integrato sono riusciti a fornire un nuovo servizio ai cittadini, dimostrando che, quando il digitale si associa a modelli organizzativi strutturati, riesce a dare risultati utili alla comunità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*