Oms, ‘cooperare su studi origine virus e no a strumentalizzazione politica’

A seguito della pubblicazione del rapporto congiunto Oms-Cina

 Oms, ‘cooperare su studi origine virus e no a strumentalizzazione politica’

”Lavorare insieme” sull’emergenza Covid-19 e ”depoliticizzare” gli studi sull’origine della pandemia. Lo chiede l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) spiegando che ”dall’inizio della pandemia di Covid-19 ha lavorato con gli Stati membri e la comunità scientifica per comprendere meglio come è iniziata questa pandemia in modo da poter essere meglio preparati per la prossima”.

A seguito della pubblicazione del rapporto congiunto Oms-Cina sulle origini del virus nel marzo 2021, l’Oms ”chiede a tutti i governi di depoliticizzare la situazione e di cooperare per accelerare gli studi sulle origini e, soprattutto, di lavorare insieme per sviluppare un quadro comune per i futuri patogeni emergenti del potenziale pandemico”.

”La priorità dell’Oms – si legge in una nota – è che gli scienziati si basino sulla prima fase degli studi, attuino le raccomandazioni delineate nel rapporto di marzo 2021 e accelerino gli sforzi scientifici su tutte le ipotesi. La ricerca delle origini di qualsiasi nuovo agente patogeno è un processo difficile, che si basa sulla scienza e richiede collaborazione, dedizione e tempo”. Per questo ”l’Oms ribadisce che la ricerca delle origini del Covid-19 non è e non dovrebbe essere un esercizio di attribuzione di colpe, dito puntato o punteggio politico. E’ di vitale importanza sapere come è iniziata la pandemia di Covid-19, per dare l’esempio per stabilire le origini di tutti i futuri eventi di spillover animale-uomo”.

L’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) ”sta lavorando con alcuni Paesi che hanno segnalato il rilevamento di Covid-19 in campioni di campioni biologici conservati dal 2019”. Lo si legge in una nota diffusa dall’Oms che, ad esempio, cita la collaborazione con l’Italia, dove ”l’Oms ha favorito una valutazione indipendente da parte di laboratori internazionali dei risultati di uno di questi studi” compreso quello su ”campioni di sangue pre-pandemia. La condivisione dei dati grezzi e la concessione del permesso per la nuova analisi dei campioni in laboratori al di fuori dell’Italia riflette al meglio la solidarietà scientifica e non è diverso da ciò che invitiamo tutti i paesi a fare, inclusa la Cina, a sostenere in modo da poter far avanzare rapidamente gli studi sulle origini e effettivamente”.

(Adnk/AdnKronos Salute)

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*