MEDICINA, QUATTRO SCIENZIATI PERUGINI TRA I MIGLIORI 50 DEL MONDO

Sanità, primario di Otorinolaringoiatria sarebbe indagato
Ospedale Perugia

OSPEDALEsantaMARIAdellaMISERICORDIAdi Mario Mariano (Ufficio Stampa Az. Osped. Perugia)
Tra i docenti universitari di tutto il mondo e’ particolarmente qualificante figurare in una sorta di classifica che prende in esame sia la produttività del professionista , sia la su la qualità dei lavori scientifici realizzati e pubblicati. Questa speciale graduatoria viene effettuata da Via-Accademy, che in pratica effettua una sorta di censimento degli scienziati di tutto il mondo.A collocarsi tra i primi 50 scienziati per numero di citazioni ricevute, ci sono tre nomi importanti che danno lustro all’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Perugia, che operano in prima linea da anni nella ricerca e nella assistenza.Si tratta della Professoressa Luigina Romani, della Struttura di Microbiologia del S.Maria della Misericordia e dei Prof.ri Giancarlo Agnelli, direttore della S.C. di Medicina interna e vascolare e del Prof.Brunangelo Falini, direttore della Ematologia del nosocomio perugino, che ha tra l’altro messo ha messo a punto una ricerca rivoluzionaria su una forma di leucemia, conosciuta nella comunità scientifica per la particolare conformazione delle cellule definite ” capellute”.
“Il riconoscimento di Via-Accademy, ha commentato il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Perugia- conferma quanto alto sia il livello dei nostri  professionisti, impegnati ad accrescere la qualità dei servizi assistenziali, ma con una attenzione particolare alla ricerca.Riconoscimenti attribuiti a medici che operano nella nostra sanità regionale, hanno anche il merito di accrescere in tutti gli operatori del nostro Ospedale un senso di appartenenza che ci permette di poterci confrontare con i migliori centri nazionali ed internazionali”. Il Direttore Orlandi ha voluto complimentarsi di persona con i tre professionisti, la cui attività e’stata così scientificamente documentata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*