In Umbria quasi un terzo tamponi sequenziati è omicron

Variante in 20 dei 66 tamponi analizzati, annuncia assessore

In Umbria quasi un terzo tamponi sequenziati è omicron

In Umbria quasi un terzo tamponi sequenziati è omicron

Su 66 tamponi positivi al Covid sequenziati in Umbria, 20 sono risultati riconducibili ad omicron. A rendere noto il dato è stato l’assessore regionale alla Salute, Luca Coletto, durante la conferenza stampa di fine anno della Giunta. “Stiamo potenziando ulteriormente il pressing e le verifiche rispetto alla varianti, ma confermo che omicron è arrivata anche in Umbria” ha aggiunto. Coletto ha anche annunciato che, sempre relativamente alla pandemia, in via precauzionale, sono in revisione i posti letto nelle strutture ospedaliere umbre. “Le terapie intensive sono 16 – ha spiegato – e per ora rimangono tali, anche perché l’occupazione ad oggi (22 dicembre – ndr) è di otto posti letto.
Per l’area medica la disponibilità odierna è di 90, ma la amplificheremo a 120 ed aumenteremo anche le semintensive da 13 a 17”. Questo, ha detto ancora l’assessore alla Salute, “non è né più né meno il piano di emergenza della scorsa primavera, che viene semplicemente riattivato in considerazione del fatto che è già pronto e operativo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*