Glucagone spray per diabetici di tipo 1′ presto erogato in forma gratuita

Glucagone spray per diabetici di tipo 1' presto erogato in forma gratuita.L'annuncio da Fand - Associazione italiana diabetici

Farmaci, il glucagone spray per diabetici di tipo 1' presto erogato in forma gratuita

Glucagone spray per diabetici di tipo 1′ presto erogato in forma gratuita
L’annuncio da Fand – Associazione italiana diabetici

Il glucagone nasale, farmaco per il trattamento dell’ipoglicemia severa, sarà di nuovo erogato nelle farmacie in forma gratuita per tutti i diabetici di tipo 1.

L’annuncio di Emilio Augusto Benini, presidente di Fand – Associazione italiana diabetici, che ha ricevuto rassicurazioni in tal senso da Jacob Liawatidewi, amministratore aziendale di Amphastar, che ha rilevato il farmaco salva-vita da Eli Lilly. Fand da subito si era attivata per avere un rapporto diretto con la nuova azienda e cercare insieme la miglior soluzione.

L’azienda ha risposto oggi a Fand che il 16 febbraio è stata ricevuta l’approvazione dalla Commissione europea per il trasferimento dell’autorizzazione all’immissione in commercio del farmaco da Eli Lilly ad Amphastar France. Al momento – ha comunicato sempre l’azienda – si sta aspettando la decisione dell’Aifa sulla valutazione del fascicolo relativo al farmaco, che si spera porterà alla sua riclassificazione in classe A, dopo che l’Aifa con determinazione del 10 ottobre 2023 (pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 23 ottobre) ha disposto il ritorno del farmaco in classe C, ossia a pagamento. Con gravi disagi per molti pazienti.

«La Fand dopo le prime interlocuzioni, attraverso i suoi rappresentanti in ogni Regione, si era attivata per non lasciare i pazienti senza la possibilità di avere il prezioso farmaco – afferma Benini – Ora che l’azienda ha comunicato i diversi passaggi che sta svolgendo, in Europa e in Italia, si concretizzano ulteriormente le possibilità che presto si possa ritornare a una erogazione gratuita in tutto il territorio nazionale, per tutte le persone con diabete che ne hanno bisogno»”.

(Mad/Adnkronos Salute)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*