Emergenza Covid: sindacati convocati d’urgenza dalla presidente Tesei

Sgalla, Manzotti e Bendini: “Gravissimo l’atteggiamento dell’assessore Coletto verso i lavoratori della sanità”.

 
Chiama o scrivi in redazione


Emergenza Covid: sindacati convocati d’urgenza dalla presidente Tesei

Emergenza Covid: sindacati convocati d’urgenza dalla presidente Tesei

Convocazione d’urgenza per Cgil, Cisl e Uil da parte della presidente della Regione, Donatella Tesei, che ha chiesto ai sindacati di riprendere un’interlocuzione diretta per la gestione della difficile fase pandemica. “Questa mattina – spiegano in una nota i segretari dei tre sindacati umbri, Vincenzo Sgalla, Angelo Manzotti e Claudio Bendini – la presidente, su sollecitazione del prefetto di Perugia, ha dichiarato la sua disponibilità al confronto con le organizzazioni sindacali, in particolare sulle vicende dei lavoratori della sanità. Da parte nostra – continuano – abbiamo ribadito le ragioni che hanno portato il comparto a proclamare lo stato di agitazione e le varie iniziative di questa settimana, a partire da quella odierna a Spoleto”.

I tre segretari hanno definito “gravissimo” l’atteggiamento dell’assessore Coletto della scorsa settimana, che, prima ha posticipato l’incontro con i rappresentati dei lavoratori e poi lo ha snobbato, andandosene dopo pochi minuti.

“È intollerabile un simile atteggiamento – hanno rimarcato i tre segretari – che dimostra la scarsa attenzione di chi ha la massima responsabilità politica in materia, rispetto alle carenze evidenziate da tutti gli operatori sanitari e ribadite anche nell’assemblea online di sabato scorso”.

Domani è previsto un nuovo incontro tra assessorato e organizzazione sindacali di settore, dopodiché Cgil, Cisl e Uil torneranno a confronto con la presidente Tesei. “Sulla base delle risposte che otterremo domani – concludono Sgalla, Manzotti e Bendini – decideremo, con i lavoratori le ulteriori iniziative da mettere in atto e non esiteremo ad inasprire le azioni di lotta se perdurerà questa situazione paradossale, nella quale lavoratrici e lavoratori della sanità umbra, oltre che sotto una enorme pressione per l’emergenza, vengono anche ignorati dal loro assessore di riferimento”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*