Diabetologia, il dottor Massimiliano Cavallo nominato coordinatore nazionale Yosid

 
Chiama o scrivi in redazione


Diabetologia, il dottor Massimiliano Cavallo nominato coordinatore nazionale Yosid

Il dottor Massimiliano Cavallo, dirigente medico del reparto di Medicina Interna dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria di Terni, è stato nominato coordinatore nazionale del gruppo Yosid, che raccoglie i soci della Società Italiana di Diabetologia con età inferiore ai 40 anni. Il gruppo promuove l’innovazione e scambi culturali in particolare verso le fasce più giovani delle persone con problemi legati a questa patologia.

Per l’occasione, il dottor Cavallo è stato accolto dal direttore generale del Santa Maria, Pasquale Chiarelli, e dal direttore sanitario, Alessandra Ascani, insieme al professor Giovanni Luca, responsabile di Andrologia Medica ed Endocrinologia della Riproduzione, e al professor Gaetano Vaudo, direttore di Medicina Interna.

“Quest’incarico è per me è una grande gioia – dichiara il dottor Cavallo, 29 anni – che accolgo con spirito di servizio. L’Azienda Ospedaliera di Terni è stata ed è tuttora la palestra dove, prima da studente e poi da medico in formazione specialistica, ho forgiato, sotto la guida del professor Riccardo Calafiore e del professor Giovanni Luca, la mia competenza in Diabetologia e Metabolismo. L’esperienza dei reparti Covid poi ha aggiunto alla mia formazione la possibilità di prendermi cura dei dismetabolismi anche durante la degenza per le sequele dell’infezione da SARS-CoV-2”.

“Come un albero sano si riconosce dai suoi frutti – dichiarano il direttore generale Chiarelli e il direttore sanitario Ascani – questa nomina rende evidente il valore dell’ospedale di Terni come punto di riferimento clinico e d’insegnamento palesato nel percorso di crescita personale e professionale portato avanti all’interno del Santa Maria dal dottor Cavallo: questo ci riempie di soddisfazione perché ogni traguardo dei nostri giovani professionisti ci fa guardare al futuro con ottimismo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*