Criminologa Mammoliti, ‘fa paura mostro nascosto dietro brava persona’

Caso Milano evidenzia narcisismo in cui si confondono reale e fantasia, tassativa verifica su uso droghe da parte dell'omicida'

Criminologa Mammoliti, ‘fa paura mostro nascosto dietro brava persona’

Criminologa Mammoliti – “Rispetto ad altri casi di cronaca nera fa paura l’appartenenza dei protagonisti ad ambienti normali, famiglie tranquille, dove c’è il bravo ragazzo di bell’aspetto. Con il mostro che si nasconde dietro la brava persona. Il fatto che a commettere un omicidio così odioso sia un insospettabile mette ancora più angoscia anche se tante volte abbiamo visto come questo stereotipo sia in realtà assolutamente falso”. Così all’Adnkronos Salute Cinzia Mammoliti, criminologa specializzata in violenza psicologica domestica e autrice di diversi libri in tema, commenta il femminicidio di Giulia Tramontano brutalmente uccisa, incinta di 7 mesi, dal fidanzato.

In questo contesto alla domanda su eventuali segni premonitori di questa tragedia, Mammoliti risponde: “non ci sono statistiche precise a riguardo. Ma non credo si potesse evitare. Quando si è in una condizione di apparente normalità non ci sono indizi chiari, anche se di questo caso specifico abbiamo pochi elementi. Non sappiamo, ad esempio, se ci fossero state minacce alla compagna in passato. Dagli elementi emersi vedo piuttosto, da parte dell’omicida, una situazione di assoluta incapacità di gestione delle conseguenze dei propri atti, e una scarsa lucidità rispetto alle questioni reali. Questo caso mette in mostra superficialità, cinismo, narcisismo alimentati da una visione che è purtroppo di massa e che porta a seguire il futile, perdendo il contatto con ciò che è reale e che poco viene distinto da ciò che è frutto di fantasia o sogno”.

“Quello che farei sicuramente è un’indagine per poter appurare l’eventuale uso di cocaina, che spiegherebbe tante cose. Serve una perizia sull’eventuale uso di sostanze da parte dell’omicida Alessandro Impagnatiello”.

(Ram/Adnkronos Salute)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*