Coronavirus Umbria, casi positivi in calo nella nostra regione

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus Umbria, casi positivi in calo nella nostra regione

Una frenata dei contagi: è quello che abbiamo assistito negli ultimi due giorni in Umbria. Il picco più alto lo abbiamo avuto il 18 marzo con 87 persone contagiate in un solo giorno, per un totale di 334 in quel giorno. Poi per tre giorni di seguito i contagi sono calati fino a fermarsi a ieri con 577 contagi, 55 in più rispetto al giorno precedente, con una percentuale dei contagiati in totale (compresi guariti e deceduti) che da 13% scende a 10%. La percentuale degli attuali positivi scende a 11%. La rete dei contatti dunque crolla: da 20 persone per ogni positivo, passa 4 persone per positivo.

In attesa di conoscere i dati alla mezzanotte del 23 marzo possiamo dire che nelle città più grandi continua ad avanzare la concentrazione di positivi come a Orvieto, Città di Castello e Perugia. Ieri è stato registrato il 17esimo decesso.

Ieri è risalito, ma di appena 25 casi, il numero di persone in isolamento domiciliare. Sul totale di 2.274 ne sono usciti 1.884 portando la percentuale giornaliera di persone in isolamento da 23% al 19%. Sono 306 le persone che rimangono in isolamento domiciliare. Dati tendenzialmente in calo, anche se è ancor a presto cantar vittoria.

Un paziente su tre ha bisogno della terapia intensiva. Dei 148 ricoverati 42 sono in terapia intensiva in aumento di +7 pazienti rispetto al dato del giorno precedente.

Continua a salire il numero dei tamponi, con la percentuale di quelli positivi in discesa e ormai prossima al 16%. I dati di questa settimana saranno decisivi per capire l’evoluzione del fenomeno.



 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*