Chiede 100 mila mascherine anti coronavirus da inviare in Cina

 
Chiama o scrivi in redazione


Chiede 100 mila mascherine anti coronavirus da inviare in Cina

Chiede 100 mila mascherine anti coronavirus da inviare in Cina

Una imprenditrice cinese si è rivolta a Federfarma Umbria, sindacato dei titolari delle farmacie, e ha ha chiesto 100 mila mascherine da inviare in Cina.  “Numeri a noi finora sconosciuti e per questo ci siamo rivolti all” azienda produttrice per fornirle”, ha detto all” agenzia nazionale di stampa associata, il presidente dell” organismo, Augusto Luciani.

L” imprenditrice vive nella zona di Jesi ed era entrata in contatto con Federfarma per organizzare dei corsi con la Scuola di alta formazione Farmacie per il benessere e la salute dei cittadini che fa riferimento al sindacato.

Più in generale nelle farmacie dell” Umbria negli ultimi giorni è stato registrato un maggiore afflusso di cittadini cinesi che acquistano le mascherine da inviare poi nel loro Paese. “Nelle nostre strutture – ha detto ancora Luciani – sono ora praticamente esaurite ma stiamo ripristinando le scorte. Una delle maggiori aziende produttrici di mascherine si trova proprio nella zona di Whuan, epicentro dell” epidemia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*