Agenas, ricoveri Covid al 38 per cento, scesi sotto soglia di allerta

 
Chiama o scrivi in redazione


Altri cinque morti in Umbria per Covid, ma ci sono ancora nuovi contagi

Agenas, ricoveri Covid al 38 per cento, scesi sotto soglia di allerta

Prosegue il trend di miglioramento nei reparti ospedalieri, dove calano al 38% i posti letto occupati da pazienti Covid, sotto la soglia di allerta del 40%. Scende invece al 31% il numero delle terapie intensive occupate in Italia da pazienti Covid, ancora l’1% oltre la soglia di allerta. Secondo l’Agenas per entrambi gli indici c’è un calo del -4% rispetto a una settimana fa: martedì 15 dicembre, infatti, l’occupazione delle rianimazioni era al 35% e quella dei posti letto al 42%

© Protetto da Copyright DMCA

In base al decreto del Ministro della Salute del 30 aprile 2020, la soglia di allerta di posti in terapia intensiva occupati da malati Covid è stata stabilita essere del 30%. Dopo aver toccato un picco del 42% intorno al 17 novembre, ha iniziato una lenta discesa. Oggi, a superare la soglia d’allerta sono 9 regioni, rispetto alle 14 di una settimana fa: Abruzzo (31%), Friuli Venezia Giulia (33%), Lazio (31%), Lombardia (42%), Provincia autonoma di Trento (54%), Piemonte (42%), Puglia (37%), Umbria (34%) e Veneto (35%).

Per quanto riguarda i posti occupati in area ”non critica”, ovvero nei reparti di medicina, pneumologia e malattie infettive, la soglia limite è stata individuata al 40% e ha toccato picchi del 52% nei giorni intorno al 10 novembre. In base ai dati oggi disponibili è superata da 9 regioni, rispetto alle 10 di una settimana fa: Emilia Romagna (52%), Friuli Venezia Giulia (47%), Lazio (42%), Liguria (43%), Provincia autonoma di Trento (60%), Piemonte (57%), Puglia (41%), Valle d’Aosta (51%) e Veneto (45%).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*