Un protocollo regionale per eliminare l’Iva al 22 per cento sui prodotti femminili

 
Chiama o scrivi in redazione


Pazienti trasferiti da Perugia a Romauori regione, Bori: "Nonostante ci sia un ospedale da campo"

Un protocollo regionale per eliminare l’Iva al 22 per cento sui prodotti femminili

“Un protocollo promosso dalla Regione Umbria tra Anci (Associazione nazionale comuni italiani dell’Umbria), Assofarm e Federfarma per abolire la tassazione Iva al 22 per cento sull’acquisto degli assorbenti e dei mooncup in vendita presso le farmacie umbre, creando così un maggior risparmio per le persone e garantendo un diritto e, quindi, alle cittadine di poter acquistare questi beni primari ad un prezzo congruo ed equo”. A chiederlo il capogruppo del Partito democratico a Palazzo Cesaroni, Tommaso Bori, con una mozione sottoscritta da tutti i consiglieri regionali PD che auspica “l’eliminazione della cosiddetta ‘tampon tax’”.

“L’Italia – spiegano i Dem – stando al Global Gender Gap Index, sui temi dell’equità di genere, è al 76esimo posto dei 153 censiti a livello mondiale e 17esima in Europa. La pandemia ha aggravato la situazione: 99mila dei 101mila posti di lavoro persi erano femminili.

Inoltre lo smart working ha aumentato il loro carico di lavoro. Tema del dibattito è la tassazione degli assorbenti e dei prodotti sanitari femminili. Già molti movimenti e associazioni femministe si stanno impegnando per l’abolizione della ‘tampon tax’, riducendo la spesa a carico delle donne. Il principio è che le mestruazioni non sono una scelta e che quindi è paradossale l’applicazione dell’aliquota massima, assimilandoli quasi a prodotti ordinari e di lusso.

Per questo – proseguono i consiglieri PD – servono interventi che ci mettano in linea con gli altri paesi europei, a partire dalla Francia, che ha ridotto la tampon tax a dicembre 2015, passando dal 20 per cento al 5,5. C’è anche chi, fuori dall’Europa, ha provveduto all’abolizione totale come l’Australia o alcuni stati degli Usa. In Italia ogni donna spende in media, per gli assorbenti, 126 euro all’anno, di cui 22,88 finiscono allo Stato”.

“Una riduzione dell’aliquota – concludono gli esponenti democratici – non solo comporterebbe un risparmio economico importante, specie per le famiglie monoreddito o in situazioni di difficoltà, ma rappresenterebbe una vera scelta politica: la Regione Umbria si dimostrerebbe un’istituzione con una particolare sensibilità verso il mondo femminile, che oltre ad apportare un contributo all’uguaglianza, sarebbe in linea con gli obiettivi europei e delle più alte istituzioni mondiali in tema di parità di genere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*