Test sierologici devono essere, almeno in parte, a carico del sistema sanitario regionale

 
Chiama o scrivi in redazione


Test sierologici devono essere, almeno in parte, a carico del sistema sanitario regionale

Test sierologici devono essere, almeno in parte, a carico del sistema sanitario regionale

“Se la presidente Tesei e l’assessore Coletto, i test sierologici sul coronavirus, rientrano nelle strategie sanitarie della Regione come programma di prevenzione e in funzione di un’indagine epidemiologica, gli stessi devono essere, almeno in parte, a carico del sistema sanitario regionale, specie per le categorie a rischio, ovvero per i lavoratori essenziali e per chi versa in una condizione economica disagiata”. È quanto dichiarano i consiglieri regionali Partito Democratico , Fabio Paparelli e Tommaso Bori.

IN SINTESI
I Consiglieri regionali del Pd, Fabio Paparelli e Tommaso Bori, chiedono che i test sierologici sul coronavirus siano “almeno in parte, a carico del sistema sanitario regionale, specie per le categorie a rischio”. Per Paparelli e Bori questo deve avvenire “se, come affermano la presidente Tesei e l’assessore Coletto, i test rientrano nelle strategie sanitarie della Regione come programma di prevenzione e in funzione di un’indagine epidemiologica”. 
Coronavirus: Paparelli, un centro Covid in Ex Milizia Terni
Fabio Paparelli

“La Regione – proseguono Bori e Paparelli – dovrebbe farsi carico di questa spesa, tanto più perché i test sono prescritti, non a caso, da medici e pediatri sulla base dell’analisi o della clinica. La Giunta regionale, pertanto, non può scaricare la responsabilità sugli operatori sanitari e i costi sui pazienti. Per i tanti cittadini umbri che sono ricorsi a misure di sostegno al reddito, come disoccupazione, reddito di cittadinanza o indennità straordinarie previste dal Governo, i 40 euro richiesti per effettuare le analisi anticorpali sono un costo quasi insostenibile. Anche le categorie maggiormente esposte come quelle degli operatori sanitari, dei lavoratori più a rischio contagio, gli anziani e soggetti con patologie a rischio, dovrebbero vedersi riconosciuto il diritto a sottoporsi, in via precauzionale e del tutto gratuita, all’indagine sierologica”.

“Invitiamo pertanto la presidente Tesei e l’assessore Coletto – concludono Paparelli e Bori – a finanziare un programma di prevenzione degno di questo nome, che possa davvero essere accessibile e utile tanto più in questa fase delicata di ripartenza”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*