Tassa di soggiorno, no esenzione a portatori di handicap, minorenni e over 75

Un Comune che ha a cuore l'immagine della propria città e la sua promozione turistica, non dovrebbe restare fermo sulle proprie posizioni

Tassa di soggiorno, no esenzione a portatori di handicap, minorenni e over 75

Tassa di soggiorno, no esenzione a portatori di handicap, minorenni e over 75

PERUGIA – “Nella seduta di ieri del Consiglio Comunale – dichiara la Consigliera Comunale del PD Emanuela Mori – è stata respinta la mia proposta di modificare il Regolamento comunale in materia di tassa di soggiorno nel senso di estendere l’esenzione in favore di determinate categorie di persone, che ritengo meritevoli di una maggiore sensibilità da parte dell’Amministrazione comunale.

Vi sono alcune tipologie di soggetti, infatti, tuttora obbligate al pagamento di questa imposta, come ad esempio i portatori di handicap assieme ai loro accompagnatori, i figli minorenni dal secondo in poi, gli “over 75” nei confronti delle quali il Comune ha il dovere di compiere delle scelte più coraggiose. Un’attenzione che mi sarei a maggior ragione aspettata perché una delle promesse elettorali dell’amministrazione comunale era l’eliminazione totale di questa imposta, obiettivo così importante del suo programma politico da essere stato inserito anche tra le linee programmatiche.”

“A colpirmi di più è la mancanza di prospettiva che connota questa amministrazione – continua la Mori – che non è in grado di andare oltre e di valutare oggettivamente una proposta a favore della città di Perugia, ma in maniera ottusa boccia qualsiasi idea che viene dall’opposizione.  Ieri si è persa un’occasione importante e di grande sensibilità per introdurre una misura concreta nei confronti di un settore particolarmente in sofferenza come quello del turismo.

Un Comune che ha a cuore l’immagine della propria città e la sua promozione turistica, non dovrebbe restare fermo sulle proprie posizioni, ma dimostrarsi aperto alle innovazioni anche quando queste vengono proposte dai banchi dell’opposizione. Il mio ordine del giorno aveva anche incontrato il parere favorevole dei dirigenti e non avrebbe inciso sul bilancio comunale, dati questi che mi lasciano ancora più amareggiata per il voto contrario della maggioranza”.

“A confermare che la mia proposta, se approvata, avrebbe rappresentato un passo importante per Perugia i voti favorevoli di tre consiglieri di maggioranza competenti in ambito artistico e turistico e sempre sensibili rispetto a questi temi, Vignaroli e Nucciarelli ed anche il consigliere Marcacci, che ringrazio perché hanno colto il senso del mio ordine del giorno e hanno dimostrato di andare oltre ai giochini politici di contrarietà a tutto ciò che viene dall’opposizione, votando a favore di un atto che avrebbe inciso positivamente sul turismo della nostra città. Al contrario dei consiglieri del Movimento 5 Stelle, che anche questa volta non hanno avuto una giusta visione propositiva e migliorativa di Perugia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*