Tari ridotta e sostegno alle famiglie, così il Gruppo consiliare Assisi Domani

 
Chiama o scrivi in redazione


Tizi (M5S): Il dietrofront della maggioranza sull'esenzione della Tosap

Tari ridotta e sostegno alle famiglie, così il Gruppo consiliare Assisi Domani

Stiamo vivendo un periodo di così grande disagio economico e sociale, indotta dagli effetti del coronavirus, che qualsiasi misura venga messa in atto è sicuramente insufficiente. Tuttavia, nell’anno corrente, l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Stefania Proietti ha impegnato sulla riduzione della TARI a favore dei cittadini e delle attività economiche l’importante somma di quasi 1,3 milioni di euro, dei quali 440mila euro per neutralizzare gli aumenti di tariffa (come fatto, con importi maggiori, anche per gli anni 2018 e 2019) che avrebbero colpito tutti, cittadini e attività economiche, 420mila euro di ulteriore riduzione per le sole attività economiche colpite dagli effetti Covid19 e ulteriori 435mila euro nell’ambito dei meccanismi della cassa conguaglio del settore elettrico.

Di fatto, circa il 18% di riduzione sul costo totale di gestione dei rifiuti per l’anno 2020. In pratica, il Comune di Assisi pagherà al gestore dei rifiuti la ragguardevole somma di 7,4 milioni di euro, ma richiederà ai cittadini soltanto 6,1 milioni di euro!

A ciò si aggiungano le maggiori risorse destinate alle fragilità sociali, alle opere pubbliche avviate, agli investimenti sulla viabilità comunale tramite risorse da protezione civile per circa 12 milioni di euro e impegno di risorse proprie per 1,5 milioni di euro destinate al piano strade 3 in corso di esecuzione. E tanto altro ancora!

Il Comune di Assisi, nonostante sia uno dei comuni italiani maggiormente colpiti dagli effetti economici indotti dal Covid19 per via dell’altissima caratterizzazione turistica, è ugualmente riuscito a immettere importanti risorse nell’economia territoriale.

Tuttavia, ha ragione il consigliere Bartolini quando scrive che bisogna stare vicini alle famiglie. Infatti, l’amministrazione Proietti, sin dai primi giorni dell’emergenza, ha messo in campo misure di assistenza e di prossimità alla popolazione, per esempio con buoni spesa e rinvio delle scadenze tributarie.

Ma non solo!

Cogliamo l’occasione della giusta osservazione del consigliere Bartolini per riportare una sintesi delle Misure per la famiglia e di assistenza, solidarietà e prossimità alla popolazione (infanzia, minori, disabilità, anziani, soggetti a rischio di deriva o esclusione sociale, emporio, spesa sospesa, Assisi vicina ai suoi nonni, ecc.), coordinate dall’assessore Massimo Paggi, che stanno impegnando per l’anno corrente risorse, dirette e indirette (comprese le 12mila euro dell’indennità sindaco) per circa 1,2 milioni di euro.

Tra queste ne elenchiamo alcune: 14ma per anziani, 500 euro a testa quale misura di contrasto alla povertà al fine di promuovere e agevolare la permanenza degli anziani nel proprio contesto di vita; Sostegno alla povertà, per il miglioramento delle condizioni economiche delle famiglie in situazione di grave disagio; Sostegno alle locazioni, per soggetti in condizioni economiche disagiate; Centri e soggiorni estivi per minori e anziani; Bonus elettrico, gas e idrico, tramite sconto in bolletta; Bonus Bimbi domani, che assegna 500 euro ad ogni nuovo nato del Comune di Assisi, spendibile presso la farmacia comunale in prodotti per l’infanzia;  Mense e trasporti scolastici, per i quali l’amministrazione si è accollata i costi aggiuntivi – rispettivamente del 25 e del 15 per cento in più -, senza così gravare sulle spese delle famiglie, per garantire il rispetto delle disposizioni previste dai protocolli sanitari antiCovid, aumentando di due scuolabus il trasporto rispetto all’anno scorso per assicurare il rispetto dell’affollamento massimo nei mezzi dell’80%; Spesa Sospesa, per rispondere alle esigenze basilari di tante famiglie della nostra comunità che stanno vivendo difficoltà economiche a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19; Buoni spesa (750 nuclei familiari già serviti nell’anno corrente), per solidarietà alimentare indirizzata a tutti coloro che vivono in condizioni di difficoltà economiche conseguenti all’emergenza sanitaria e necessitano di immediata liquidità per la spesa; Emporio della solidarietà, per le persone a rischio di esclusione sociale; Assisi vicina ai suoi nonni, per il supporto e la prossimità ai nostri nonni che non possono, per qualsiasi ragione, recarsi al supermercato o in farmacia, ecc; Rette ricovero Minori, anziani, disabili; Progetto Vita indipendente, per agevolare le condizioni di “indipendenza” dei soggetti con disabilità; Interventi di zona sociale, quali: progetto Seneca, ad integrazione del servizio domiciliare e di trasporto della ASL per garantire i livelli essenziali di assistenza socio-sanitaria; contributi per i Servizi di Accompagnamento al Lavoro (tirocini extracurriculari, borse e tutoraggio di giovani e adulti disabili); assistenza domiciliare di minori e anziani non autosufficienti; progetto Vita Indipendente per l’inclusione sociale delle persone con disabilità; Fondo Assisi Impresa, come misura di sostegno alle imprese, con lo stanziamento di una cifra importante da destinare come fondo di garanzia al credito.

Siamo d’accordo che non è sufficiente e che si deve fare di più, ma è altrettanto certo che l’amministrazione condotta dal sindaco Stefania Proietti ha fatto e sta facendo tutto il possibile con le risorse disponibili.

Gruppo consiliare Assisi Domani

Giuseppe Cardinali, Carlo Migliosi, Paolo Sdringola

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*