Sostegno economico aperto a tutti codici ateco con calo fatturato

La richiesta è del capogruppo Lega in Consiglio regionale dell'Umbria

Sostegno economico aperto a tutti codici ateco con calo fatturato

Sostegno economico aperto a
tutti codici ateco con calo fatturato

“In considerazione del perdurare della pandemia e delle criticità derivanti dalle misure restrittive, reputiamo necessario da parte della Regione Umbria, adottare un provvedimento una tantum per il sostegno economico aperto a tutti i codici ateco che dimostrino un calo del fatturato”.

La richiesta è del capogruppo Lega in Consiglio regionale dell’Umbria, Stefano Pastorelli. “Oltre a determinare un impatto considerevole dal punto di vista sanitario – prosegue Pastorelli – la quinta ondata del covid continua a influire anche sulla tenuta economica del Paese. In Umbria il quadro epidemiologico da alcuni giorni è in miglioramento grazie al lavoro straordinario del personale medico sanitario e delle strategie vincenti di contenimento del virus elaborate dall’assessore Coletto e dalla giunta Tesei.

Pastorelli (Lega) su Covid e ristori, lettera al Ministro Garavaglia
Stefano Pastorelli

I livelli sotto la soglia critica rispetto al tasso di occupazione delle terapie intensive e l’Umbria in zona bianca mentre tutto il centro nord Italia passa in zona gialla o arancione, ne sono una reale testimonianza. Oltre a far fronte alle conseguenze sanitarie del covid, dobbiamo, però tornare ad occuparci delle conseguenze economiche, come già è stato fatto in passato, attraverso misure di sostegno adeguate per il rilancio del tessuto imprenditoriale locale, come bandi per contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati.

L’esistenza di determinate misure di sicurezza, ma più in generale il perdurare della pandemia, stanno causando ingenti danni a commercianti, piccoli e medi imprenditori, artigiani, realtà del settore della ristorazione o turistico-ricettivo, lavoratori del mondo dello spettacolo e dello sport, e così via.

Molte attività hanno registrato cali considerevoli di fatturato, altre hanno dovuto limitare gli ingressi in osservanza delle misure di sicurezza, altre ancora sono state costrette a chiudere per settimane dopo aver registrato casi di contagio tra il personale lavorativo.

Le peculiarità del tessuto economico della regione Umbria, caratterizzato da una massiccia presenza di piccole e medie imprese, anche a conduzione familiare e una vasta rete commerciale e artigianale, ci impone di intervenire con tempi rapidi e porre in essere efficaci misure di contrasto alle criticità”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*