Pistola Taser, deputato Emanuele Prisco, perché no a Perugia?

 
Chiama o scrivi in redazione


Sì al Taser, la polizia municipale potrà sperimentare la pistola elettrica

Pistola Taser, deputato Emanuele Prisco, perché no a Perugia? Il deputato umbro Emanuele Prisco chiede al ministro degli Interni Matteo Salvini di introdurre la sperimentazione del taser anche nella città di Perugia. “Nel capoluogo umbro spesso e volentieri gli agenti vengono aggrediti per strada – è spiegato in una nota -. Solamente pochi giorni fa il video di una lite nel cuore di Città di Castello tra due persone contro la polizia è diventato virale. In quel caso la pistola a impulsi elettrici avrebbe interrotto immediatamente l’aggressione neutralizzando i due arrestati”.

© Protetto da Copyright DMCA

La pistola elettrica – riferisce Prisco in una nota – viene utilizzata in via sperimentale in undici città italiane tra cui Milano, Napoli, Torino, Bologna, Palermo, Catania, Padova, Caserta, Reggio Emilia e Brindisi. Nel centro Italia, per il momento, l’unica città a poter utilizzare l’arma coi proiettili uncinati è Firenze.

Leggi anche – Associazione Funzionari di Polizia condanna aggressione poliziotti

Prisco, FdI, firma proposta di legge, mai più giornate silenzio venatorioSecondo l’esponente di Fratelli d’Italia alla Camera, che mostra apprezzamento nell’iniziativa del taser, “un tentativo di sperimentazione delle cartucce caricate con anidride carbonica compressa va fatto anche in Umbria dove gli agenti spesso sono esposti a situazioni critiche in quartieri caldi come quello di Fontivegge a Perugia.

Le cronache hanno raccontato episodi violenti in danno delle divise, uno su tutti quello avvenuto poco tempo fa in piazza del Bacio. La sicurezza e la possibilità di intervenire prontamente per gli agenti, anche a difesa dei cittadini – conclude Prisco – deve rappresentare una priorità per uno Stato che per troppo tempo ha dato la sensazione di pensare più ai diritti dei delinquenti che a quelli dei suoi uomini”.


Un taser-x26 con visibile arco elettrico che si sprigiona fra i due elettrodi

Il taser (acronimo di Thomas ASwift’s Electronic Rifle) è un dispositivo classificato tra le armi da difesa «meno che letali» che fa uso dell’elettricità per paralizzare i movimenti del soggetto colpito facendone contrarre i muscoli. In italiano è anche nota come “pistola elettrica”, “storditore elettrico” o “dissuasore elettrico”.

È stata inserita dall’ONU nella lista degli strumenti di tortura. Secondo Amnesty International l’arma in pochi anni è stata responsabile di centinaia di morti nei soli Stati Uniti, ma secondo altri studi le morti sarebbero state concausate dai problemi cardiologici di cui soffrivano i soggetti colpiti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*