Perugia, comitati mensa, sulla riforma il Pd “chiede chiarezza, trasparenza, partecipazione”

Giacopetti in assemblea: “Un Pd più forte al servizio della città”

PERUGIA – “Comitati mensa, il Pd chiede chiarezza, trasparenza e partecipazione delle scelte”. Perché “la riforma del servizio non può prescindere da elementi che salvaguardino la qualità e l’efficacia del servizio e soprattutto la centralità della persona”. Così il segretario del Pd di Perugia Francesco Maria Giacopetti, che aggiunge: “Questo in un’ottica di gestione del bene comune che vede l’iniziativa politico-amministrativa rivolta a creare comunità, benessere sociale, a sostenere chi non ce la fa, a tendere una mano a chi resta indietro. E questo è ancora più vero in una congiuntura di drammatica crisi economica e sociale”. “In questa ottica – continua Giacopetti – e secondo questa visione i comitati mensa dei genitori rappresentano una risorsa fondamentale: garantiscono ai bambini un’alimentazione sana, equilibrata e di qualità attraverso budget sostenibili e autogestiti, dai quali spesso si ricavano risparmi utili per le attività scolastiche.

Oggi si vuole togliere dalle mani di mamme e papà, persone abituate a far quadrare i conti, per “fare cassa” e destinare risorse a qualche società che dall’esterno si dovrebbe occupare di gestire acquisti e organizzazione delle mense.

Il Pd non ci sta. E chiede alla giunta, appellandosi direttamente al sindaco Romizi, di fermarsi un attimo, di favorire il confronto e partecipare le scelte. Noi daremo il nostro contributo, siamo da tempo in contatto con chi in Italia e in Europa rappresenta l’eccellenza nella gestione dei servizi pubblici per l’infanzia per contribuire a una discussione che non vogliamo sia deviata da una politica fatta con la calcolatrice in mano e senza la dovuta attenzione alle persone e alle istanze della popolazione. L’idea, in particolare, è mettere a confronto le buone pratiche più innovative e sostenibili oggi esistenti, offrendo una sede di confronto e partecipazione e qualche spunto utile alla riflessione. Siamo già in contatto con rappresentanti di amministrazioni all’avanguardia sul tema per costruire un’iniziativa pubblica di confronto”. “Siamo convinti – conclude Giacopetti – che se non ci si mette alla testa di progetti che salvaguardino la tenuta sociale, Perugia rischia di essere più povera non solo economicamente. Non è tutto riconducibile a una logica di budget e bilanci. E sono certo che risparmi ed efficienze si possono trovare anche senza compromettere la qualità dei servizi che offriamo ai nostri bambini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*