Perugia 1416, Carla Casciari, no bloccato accesso ai fondi nazionali

Casciari evidenzia che “nulla impedisce al Comune di Perugia di accedere al fondo nazionale per le rievocazioni storiche”

Perugia 1416, Carla Casciari, no bloccato accesso ai fondi nazionali

Perugia 1416, Carla Casciari, no bloccato accesso ai fondi nazionali

“Leggo con stupore le dichiarazioni rilasciate dal sindaco di Perugia e dall’assessore alla Cultura, nonché presidente dell’associazione ‘Perugia 1416’, a seguito della bocciatura in Aula di una proposta di modifica, richiesta dallo stesso Comune di Perugia, alla Legge regionale sulle manifestazioni storiche, diretta a ridurre da 5 a 3 il numero delle edizioni annuali necessarie per essere inserite nello specifico Albo regionale, lasciando discrezionalità sulla deroga alla commissione di esperti”. Lo dichiara il consigliere regionale Carla Casciari (Partito democratico), facendo riferimento all’ultima seduta dell’Assemblea legislativa dell’Umbria (https://tinyurl.com/yc6b227j (link is external)).

 

“Avevo avanzato dubbi su questa discrezionalità – spiega Casciari – già durante i lavori in Terza commissione, sede nella quale non ho votato la proposta. Ricordo che la Giunta regionale ha sostenuto già dalla prima edizione la manifestazione, investendo risorse molto più cospicue di quelle erogate dalla stessa legge regionale ‘16/2009’, riconoscendole quindi l’impegno a realizzare una importante sinergia tra le associazioni cittadine che concorrono alla buona riuscita dell’evento. Preciso infine che nulla impedisce al Comune di Perugia di accedere al fondo nazionale per le rievocazioni storiche, il cui bando scade il 20 febbraio 2019”.

 

“Invito quindi il sindaco di Perugia e l’assessore alla Cultura a lavorare con lungimiranza e celerità per il bando nazionale perché Perugia 1416 sia valutata dalla Commissione nazionale che ne giudicherà la qualità, le ricadute sul territorio in termini turistici oltre che la valorizzazione del patrimonio culturale immateriale della nostra città”.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*