Nardi di Selci Lama, Attilio Solinas incontra gli operai, Rsu e sindacati [Video dichiarazione]

Siamo in presenza, ancora una volta , come da me denunciato per le vicende AST Terni e Perugina, di operazioni speculative finalizzate allo smantellamento dell’attività produttiva e alla delocalizzazione

Nardi di Selci Lama, Attilio Solinas incontra gli operai, Rsu e sindacati

Nardi di Selci Lama, Attilio Solinas incontra gli operai, Rsu e sindacati

Questa mattina Attilio Solinas, Consigliere Regionale di Liberi e Uguali, si è recato alla Nardi di Selci Lama, dove si è incontrato con gli operai, con i rappresentanti della RSU e con i Sindacati. “ Non è più accettabile – ha affermato Solinas – che ancora una volta ci si trovi di fronte ad una crisi aziendale non determinata da potenzialità di produzione, commercializzazione o dalla qualità del prodotto, dato che l’azienda, pur segnata da una gestione irresponsabile, comunque mantiene prospettive importanti, capacità produttive e credibilità del marchio, con oltre 100 operai impiegati.

Siamo in presenza, ancora una volta , come da me denunciato per le vicende AST Terni e Perugina, di operazioni speculative finalizzate allo smantellamento dell’attività produttiva e alla delocalizzazione, magari in Paesi nei quali i diritti sono assenti e il costo del lavoro è prossimo allo schiavismo. E il fatto che ad acquistare l’azienda sia stato non un altro gruppo industriale ma un fondo di investimento, non può che determinare ulteriore rabbia e preoccupazione”.

“La Nardi deve poter continuare a produrre e ad operare nella sua sede storica e naturale dell’Altotevere. Ne esistono tutte le condizioni, produttive e di mercato. Serve un piano aziendale in grado di concretizzare le potenzialità professionali e produttive oggi irresponsabilmente congelate.

“Ho espresso ai lavoratori, ai rappresentanti della Rsu ed ai sindacati la solidarietà e il mio pieno sostegno alle loro iniziative. Ma non solo. Comunico – conclude il Consigliere Solinas – che già da oggi mi attiverò presso tutte le sedi deputate, a partire dall’Assessorato regionale e dal Ministero del Lavoro, per verificare che i soggetti in campo e le procedure fin qui adottate siano conformi alle normative nazionali ed europee.

Chiederò l’immediata attivazione della Regione per la convocazione delle parti e la discussione in forma prioritaria del tema nella prossima seduta del Consiglio regionale. Chiederò, inoltre, di sapere se la Nardi SPA ha ricevuto finanziamenti regionali e/o europei ed eventualmente per quali ragioni non abbia ottemperato agli obblighi di ammodernamento dei macchinari e dei cicli produttivi ”.

Infine, qualora, i tentativi di arrivare ad una soluzione positiva attraverso i contatti con la vecchia e la nuova proprietà non dessero gli esiti auspicati, ritengo necessario che le istituzioni e il mondo imprenditoriale prendano in considerazione ed eventualmente sostengano l’ipotesi di acquisizione dell’azienda da parte dei lavoratori, magari in forma cooperativistica.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*