Mille neonati in meno in Umbria, Pastorelli, dato preoccupante

 
Chiama o scrivi in redazione


Mille neonati in meno in Umbria, Pastorelli, dato preoccupante
Stefano Pastorelli, capogruppo Lega Umbria

Mille neonati in meno in Umbria, Pastorelli, dato preoccupante

“Il dato preoccupante rilevato dall’Istat di mille neonati in meno in Umbria negli ultimi cinque anni e di un tasso di natalità nella nostra regione inferiore rispetto alla media nazionale, rappresenta un segnale di crisi demografica che non può essere ignorato”. Così il capogruppo regionale Lega, Stefano Pastorelli. “Dal nostro punto di vista – spiega Pastorelli – la questione è sia economica che di cultura, ma allo stesso tempo viene determinata da una politica di sinistra che negli anni ha preferito salvaguardare gli interessi di lobby ristrette e intervenire con misure a sostegno dell’immigrazione, piuttosto che tutelare l’integrità dell’istituzione famiglia, andando così a minare le fondamenta stesse della società moderna.

IN SINTESI
Il capogruppo Stefano Pastorelli (Lega) annuncia la presentazione di una proposta di legge, che verrà stilata con il supporto dell’assessore regionale Luca Coletto e il contributo di Simone Pillon (responsabile regionale per le politiche familiari della Lega) e Paola Fioroni, vice presidente dell’Assemblea legislativa e che punta a “restituire dignità alla famiglia, riportandola al centro delle politiche regionali e allo stesso tempo riconsegnare ai giovani la fiducia nel futuro del nostro paese”. 

Quello che vogliamo fare in Regione Umbria – aggiunge – è restituire dignità alla famiglia, riportandola al centro delle politiche regionali e allo stesso tempo riconsegnare ai giovani la fiducia nel futuro del nostro paese”. “Per tale motivo – annuncia Pastorelli -, con il supporto dell’assessore regionale Luca Coletto e il contributo di Simone Pillon, come Responsabile regionale per le politiche familiari della Lega e Paola Fioroni, vice presidente dell’Assemblea legislativa, stiamo predisponendo un progetto di legge regionale a sostegno della natalità e della maternità. Una normativa che preveda la revisione di tutte le misure a favore della famiglia e delle politiche familiari”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*