Lettera aperta al sindaco di Perugia ed a tutti i sindaci d’Italia

 
Chiama o scrivi in redazione


Lettera aperta al sindaco di Perugia ed a tutti i sindaci d’Italia

Lettera aperta al sindaco di Perugia ed a tutti i sindaci d’Italia

di Renzo Baldoni
Siete stati eletti per rappresentare ed amministrare la nostra/vostra città. Il momento è estremamente difficile, nessuno avrebbe pensato di vivere una esperienza così drammatica, ma queste sono le occasioni che determinano le differenze tra chi fa e chi tira a campare.

Un sindaco ha il primario dovere di rappresentare e difendere la maggioranza silenziosa e rispettosa della sua città e combattere con tutti i mezzi una squallida minoranza rumorosa che infanga ed avvilisce una intera comunità.

Il sindaco dovrebbe utilizzare la sua polizia locale esclusivamente per controllare il rispetto totale delle regole che ci difendendo dalla piaga del coronavirus.

Dovrebbe istituire il massimo numero di pattuglie , costituite da quattro unità strumentalmente attrezzate per ogni evenienza , per controllare il territorio principalmente nelle ore più a rischio trasgressioni ed obbligare tutti di girare con un documento d’identità pena li fermo domiciliare.

La maggioranza rispettosa della popolazione ha il diritto di vivere , la minoranza rissosa deve essere piegata al rispetto delle regole.

I prefetti devono favorire ed assecondare queste impostazioni di buon senso, altrimenti il disagio si potrebbe trasformare in sommosse popolari difficilmente controllabili.

La vera democrazia ed il rispetto delle libertà personal non possono non veicolare con questa coraggiosa impostazione .

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*