Legge Severino, Liberati M5s, 10 domande per Prefettura e Procura di Terni

 
Chiama o scrivi in redazione


Riconversione industriale per Terni, le migliori università elaborino la strategia
liberati
da Andrea Liberati – M5S Regione Umbria
Legge Severino, Liberati M5s, 10 domande per Prefettura e Procura di Terni
. Come mai la Prefettura ha impiegato mesi e mesi per applicare la Legge Severino, quando altrove si procede anche prima delle elezioni o subito – ma davvero subito – dopo, una volta nota la lista e/o l’esito elettorale?
Perché si dà conto dello screening solo oggi, quasi tre mesi dopo le Amministrative, quando – basta anche qui una ricerchina on line – generalmente le Prefetture intervengono con ben altra tempestività?
Perché, alla luce della delicatezza della situazione di Terni, la cui Amministrazione usciva da indagini e arresti, il Palazzo del Governo non ha celermente reso noto alcunché, contribuendo ad alterare così il risultato delle elezioni e favorendo di fatto un partito e una parte?
Cosa è realmente accaduto alla Prefettura di Terni?
Come e con quali tempi si è mossa la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Terni? 
Quali le corrispondenze registrate tra i poteri dello Stato?
Si sono avuti problemi informatici?
Chi sono gli altri eletti al Comune di Terni condannati penalmente?
Chi sono coloro che, tra consiglieri e assessori, hanno procedimenti penali in corso?
Oltre alla Severino, ci sono eletti che non rispettano il Codice di Autoregolamentazione, approvato nella scorsa Legislatura dalla Commissione Antimafia?
E’ normale che una città sfiancata da anni di mala gestione, subisca un’onta permanente, mentre pezzi dello Stato tirano solo oggi alcune rilevanti conclusioni?
Il M5S esige dal Prefetto e dal Capo della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Terni chiarimenti definitivi sulle questioni citate, ben sapendo che l’origine di questo disastro è esclusivamente politica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*