Lega terni, Il Governo non lasci soli gli artigiani, meritano rispetto

 
Chiama o scrivi in redazione


Lega terni, Il Governo non lasci soli gli artigiani, meritano rispetto

“Siamo accanto agli artigiani ternani ed umbri, che da mesi aspettano la cassa integrazione, in alcuni casi non è stato liquidato ancora, neanche il mese di Aprile, e questo è inaccettabile. Raccogliamo, sottoscriviamo e rilanciamo l’appello di Confartigianato Umbria e di alcuni sindacati, perchè la situazione è insostenibile e molte imprese sono a rischio chiusura a causa dei ritardi del governo. Così la nota del gruppo consiliare della Lega al Comune di Terni, in relazione al mancato pagamento della cassa integrazione alle imprese artigiane.

“Il mondo degli artigiani – affermano i leghisti- in questo territorio soffre tantissimo e questa disparità di trattamento rispetto ad altre categorie, sta mettendo all’angolo una moltitudine di lavoratori della nostra provincia. Il governo, arroccato nel palazzo, lontano anni luce dalla realtà, cerca di spostare il focus, non pensando ai problemi di migliaia di persone, che a causa della sua indolenza, non riescono ad arrivare alla fine del mese.

Questo esecutivo, così facendo, nega a moltissimi italiani e ternani il loro diritto al lavoro”. “Territori come il nostro – continua la nota dei consiglieri- andrebbero rilanciati, serve più attenzione verso le categorie produttive e verso chi produce lavoro. Invece, sono stati lasciati completamente soli, presi in giro da un governo incapace, che non ha saputo minimamente gestire l’emergenza, sia sociale che economica, mettendo a rischio molti posti di lavoro. Le imprese artigiane sono al collasso e a Terni, non possiamo permettercelo”. “Come Lega – concludono- manterremo alta l’attenzione, in sinergia con i nostri rappresentanti in parlamento, affinché vigilino, come hanno sempre fatto, sull’ operato di questo governo, stimolandolo per una risoluzione della questione, che sia la più rapida possibile: gli artigiani ternani hanno bisogno di risorse e ne hanno bisogno ora”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*