Il 27 ottobre può essere la data per liberare questa regione dalle sinistre, dice Matteo Salvini

 
Chiama o scrivi in redazione


Il 27 ottobre può essere la data per liberare questa regione dalle sinistre, dice Matteo Salvini

Il 27 ottobre può essere la data per liberare questa regione dalle sinistre, dice Matteo Salvini

Oltre 800 persone al Mercato cittadino di Gualdo Tadino “Con noi al governo tornerà il merito al centro delle scelte amministrative” Dopo il tutto esaurito a Gubbio, al teatro comunale, il tour elettorale di Matteo Salvini, leader della Lega, in vista delle regionali del 27 ottobre, ha fatto tappa a Gualdo Tadino. Quella che doveva essere una passeggiata tra i banchi per parlare con cittadini e operatori è diventata invece un vero e proprio comizio dato che una folla di oltre 800 persone ha riempito l’area adiacente al mercato cittadino. Una folla giunta da tutta la fascia dell’Alta Umbria per ascoltare e potersi fare una foto insieme al Capitano – una fila di un’ora per lo scatto con il cellulare -. Sul palco, insieme a Salvini, il segretario regionale Virginio Caparvi, i parlamentari Luca Briziarelli e Simone Pillon.

A Matteo Salvini è stata regalata la maglia della città che, nel mese di settembre, è impegnata nel Palio “Giochi de le Porte”. “Mi rivolgo a tutti voi – ha detto Matteo Salvini dal palco improvvisato al centro socio-culturale per la Terza Età – quello del 27 ottobre è un voto per voi, è un voto per gli umbri e per la rinascita dell’Umbria. Chi non va a votare sappia che, con quel suo stare a casa, è complice delle passate gestioni che ora vogliono siglare un Patto per la poltrona e non per l’Umbria. Quindi ognuno di voi, in questi 38 giorni, deve dare il suo contributo parlando con coloro che sono sfiduciati, arrabbiati e delusi.

Il 27 ottobre può essere la data per liberare questa regione dalle sinistre“. “Voglio ricordarvi che se si vota prima del previsto è perchè hanno arrestato esponenti del Pd che truccavano i concorsi per un posto nella sanità regionale. Questo è uno dei comportamenti più vigliacchi che si possano adottare. Perchè si ingannano tanti giovani umbri che devono subire concorsi riservati agli amici degli amici.

Ho chiesto a Donatella Tesei, la nostra candidata presidente, che in caso di vittoria non bisogna fare come i compagni. In Umbria deve lavorare chi merita e non chi è amico, non i raccomandati e non chi ha la tessera giusta”.

Matteo Salvini ha ribadito le due linee guida della Lega: “Con noi al governo dell’Umbria le case popolari vanno prima ai cittadini italiani. Io credo che una persona che ha contribuito con le tasse per 30 anni alla crescita della propria comunità abbia il diritto di avere una corsia preferenziale. Lo stesso vale per il lavoro. Altro punto importante: questa regione non ha strade dignitose, ha un aeroporto che funziona poco ed è fuori dalle rotte del turismo. Dobbiamo puntare sulle infrastrutture perchè sono il mezzo per far conoscere al mondo le bellezze e le ricchezze di questa regione”.

Salvini ha anche dettato la linea sull’accoglienza dopo la riapertura dei porti da parte del governo Conte bis. “Le regioni e i comuni amministrate dalla Lega diranno a Roma un secco ‘no’ qualora provassero ad imporci altri immigrati arrivati con i barconi. Di risorse ne abbiamo già buttate via molte, è giunto il momento di pensare al futuro di questa terra che sta vivendo una grave crisi economica”.

Al termine dell’incontro con i gualdesi, Matteo Salvini ha partecipato insieme ai parlamentari Caparvi e Briziarelli ad un incontro conviviale – organizzato da Alessia Raponi, candidata alle regionale – con delle delegazione di imprenditori, commercianti e liberi professionisti del territorio che hanno spiegato i problemi riscontrati in questi anni chiedendo al “Capitano” di farsi portavoce delle loro esigenze.

1 Trackback / Pingback

  1. Basta spartizioni, Carla Spagnoli, è il tempo della competenza al potere

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*