Gruppo Pd, “Nodino” di Perugia, da mesi proponiamo soluzioni alternative

 
Chiama o scrivi in redazione


‘Ndrangheta, Consiglio comunale dibatte su revoca presidente Nilo Arcudi

Gruppo Pd, “Nodino” di Perugia, da mesi proponiamo soluzioni alternative

dal Gruppo Partito Democratico in consiglio comunale di Perugia
Dopo un’interrogazione presentata il 25 gennaio e discussa il 3 marzo dalla Consigliera dem Ranfa e alla quale è stata data una risposta a dir poco elusiva, il 22 marzo i Gruppi consiliari Partito Democratico, Idee Persone Perugia, Rete Civica Giubilei hanno depositato un ordine del giorno urgente sull’annoso tema del cosiddetto “Nodino” di Perugia. Malgrado il carattere d’urgenza si è preferito dare priorità ad altre pratiche, rimandando la discussione di un mese (ci auguriamo venga fissata per il 22 aprile). Dopo la riposta inadeguata avuta a seguito dell’interrogazione, ci siamo rivolti di nuovo all’Amministrazione comunale per impegnare innanzitutto Sindaco e Giunta a partecipare con il Consiglio i propri intendimenti riguardo al “Nodino”, ma soprattutto per valutare soluzioni alternative a un progetto fortemente impattante, che tra l’altro non risolverebbe i problemi di traffico se non in una percentuale irrisoria (circa il 15%).

Inoltre, l’ipotizzata progettazione definitiva fa riferimento a un progetto preliminare di circa 20 anni fa, e pertanto non può prescindere dagli indiscutibili e ovvi cambiamenti che le dinamiche di sviluppo e tutela hanno determinato in materia di flussi di traffico, salvaguardia ambientale e compatibilità tra costi e benefici.

Riteniamo infatti che le alternative percorribili volte a raggiungere l’obiettivo di diminuire il traffico nei tratti interessati possano essere molte, come migliorare la viabilità provinciale ed interregionale intorno all’area perugina, sfruttare in maniera adeguata le sedi attuali, accanto a una ricognizione nonché riorganizzazione/implementazione di un sistema pubblico dei trasporti che sia più efficiente ed efficace.

L’impegno che chiediamo al Sindaco e alla sua Giunta è quello di farsi portavoce di soluzioni che rispondano ai principi di sviluppo sostenibile e attuino una transizione ecologica autentica (in linea con quanto richiesto dal piano Next Generation EU), e soprattutto quello di avviare quanto prima un percorso partecipativo con comitati, associazioni e i cittadini tutti, che attendono da troppo tempo risposte chiare, ancora non pervenute.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*