Grimani, Pd, “Clima preoccupante, è tempo di reagire…con fermezza”

Grimani, Pd, “Clima preoccupante, è tempo di reagire...”
Grimani, Pd, “Clima preoccupante, è tempo di reagire…con fermezza” “Viviamo tempi confusi e complicati e mentre ogni giorno le cronache ci raccontano di insulti, violenze e intimidazioni che si fanno sempre più frequenti e preoccupanti fatichiamo a ripristinare un confronto corretto e democratico e a contrastare un clima insidioso di rabbia e odio”. Così, in una nota, il senatore del Partito Democratico Leonardo Grimani.
“La politica, su questo, porta responsabilità enormi – sottolinea Grimani – soprattutto quando istiga un confronto sempre più esasperato, rabbioso, inconciliabile con la necessaria fermezza e compostezza che si richiederebbe. E succede, allora, che al circolo Montani del Pd di Terni si dia fuoco a una bacheca e che l’assessore regionale Fabio Paparelli sia vittima di atti gravi e preoccupanti.
Ho già espresso nelle scorse ore la mia profonda amarezza e preoccupazione per quanto accaduto, ferma condanna nei confronti di gesti vili e la mia piena solidarietà ai democratici ternani e a Paparelli; trovo evidentemente importante che lo abbiano fatto rappresentanti istituzionali di tutti gli schieramenti, compreso il sindaco di Terni Latini; allo stesso tempo ritengo che sia urgente e non più rinviabile un impegno largo e condiviso affinché si metta un argine a una deriva violenta e antidemocratica allarmante e affinché si prenda coscienza che speculare sulle paure delle persone, strumentalizzando temi complicati e grattando la pancia alla rabbia, potrà portare qualcuno all’incasso in termini di consenso elettorale ma non è certo quello di cui il Paese ha bisogno.
Serve, allora, una mobilitazione forte che richiami tutti alla dovuta correttezza e che marginalizzi atteggiamenti violenti e pericolosi. È prima di tutto compito della politica e delle istituzioni e l’auspicio è che l’obiettivo di restituire ai cittadini un clima democratico e sano sia ampiamente condiviso”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*