Fabbri (Prc Perugia): “L’Umbria modello di riferimento nazionale per la sanità pubblica”

PRC

prc

(umbriajournal.com) PERUGIA – La Regione Umbria guiderà le regioni prese a riferimento tramite gli indicatori del Ministero della Salute per fissare i criteri di qualità dei servizi e costi e fabbisogni standard nel comparto sanitario. Il modello nazionale di riferimento rispetto all’IQE, l’indicatore di qualità ed efficienza, è risultato essere il sistema sanitario regionale umbro, il 96% del quale è pubblico. Si tratta di un risultato straordinario che è stato possibile grazie alle amministrazioni regionali che si sono succedute e anche all’impegno del nostro partito a tutti i livelli. Rifondazione comunista da sempre si è infatti impegnata e battuta con coerenza nella società regionale ponendo quella che è stata ed è una priorità della nostra iniziativa politica: la salvaguardia e il potenziamento della sanità pubblica.

Per questo abbiamo lavorato e lavoriamo per un approccio riformatore del sistema fondato sulla prevenzione di territorio, sulla deospedalizzazione, sulla riqualificazione della spesa e delle funzioni e sulla centralità del cittadino. Una sanità non mercificata, ma un bene universale al servizio della comunità. Detto questo, però, gli effetti della spending review e degli altri provvedimenti finanziari in materia di sanità dei governi centrali con l’aumento dei ticket non hanno certo tardato a manifestarsi anche nella nostra regione e, come avevamo denunciato, si stanno ritorcendo contro i cittadini umbri. La sanità ragionieristica dei governi nazionali è miope e si sta rivelando insostenibile anche sotto il profilo economico-finanziario perchè abbattendo i servizi di prevenzione aumenta la possibilità di insorgenza, recrudescenza ed aggravamento delle malattie più comuni, con costi maggiori derivanti dall’ospedalizzazione o dall’invalidità.

La sanità tutta tagli e ticket a carico dei cittadini è odiosa e costituisce un regalo a quella privata, è una privatizzazione strisciante perchè con i ticket nazionali così alti perfino gli ambulatori privati diventano “competitivi” nei confronti del servizio sanitario regionale. Ecco perchè la nostra battaglia contro l’introduzione dei ticket regionali era giusta: attraverso gli sforzi positivi della Giunta regionale, impegnata in una riforma complessiva del sistema sanitario regionale ancora da affinare soprattutto per quanto concerne il rapporto con l’Università, è stato mantenuto un sistema pubblico e universalistico che oggi viene preso a modello. Si tratta allora di provare ad utilizzare questo primato raggiunto per guidare una battaglia politica più generale conto le politiche rigoriste e di austerità dei governi centrali che anche per la nostra Regione, esattamente come ha recentemente dichiarato la Presidente Marini, si sono rivelate sciagurate ponendo a grave rischio la tenuta sociale, economica ed istituzionale dell’Umbria in quanto comunità.

Carlo Fabbri, Responsabile Sanità Federazione Provinciale Prc Perugia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*