Elezioni Umbria, affluenza regionale ore 12 è 19,55% | Video

Umbria Europa verde, serve incontro unitario coalizione Bianconi

Elezioni Umbria, affluenza regionale ore 12 è 19,55% | Video

Cresce nettamente, di oltre quattro punti, l’affluenza al voto per le regionali in Umbria rispetto alla precedente consultazione. Alle ore 12 ha votato il 19,55% contro il 15,39% del 2015. Nel capoluogo di regione ha votato il 19,68% contro il 15,65% del 2015. In provincia di Terni ha votato il 19,19%. Nelle precedenti consultazioni votò il 14,64%. Qualche comune del capoluogo: a Perugia ha votato il 22,4 (17,80% nel 2015), Assisi il 17,96%, Bastia il 20,66, Cannara 18,91%, Cascia il 19,87%, Città di Castello il 18,11%, Foligno il 21,17%, Gubbio il 16,86%, Marsciano il 20,32%, Passignano il 22,04%, Norcia il 21,87%. L’affluenza più alta nella provincia di Perugia è stata a Poggiodomo con il 23,60%, quella più bassa a Lisciano Niccone con il 15,15%. Qualche comune della provincia di Terni: Nella città dell’acciaio ha votato il 19,71% (15,71% nel 2015), Amelia il 17,99%, Attigliano il 22,58%, Fabro il 16,56%, Giove il 20,26%, Montecchio 20,97%, Narni il 18,80%, Orvieto il 19,92%. L’affluenza più alta è stata ad Attigliano, quella più bassa a Polino con il 15,42%.

I 1005 seggi sono aperti regolarmente in tutta la regione. Si potrà votare fino alle ore 23 per eleggere il Presidente della Giunta regionale e i 20 consiglieri che formeranno l’Assemblea legislativa regionale della undicesima legislatura (2019-2024), in base alla legge elettorale regionale (l.r. 23 febbraio 2015 n. 4).

I seggi sono 710 in provincia di Perugia e 295 in quella di Terni. 703.595 saranno gli elettori umbri e potranno esprimere il proprio voto.

Gli elettori sono 521.960 in provincia di Perugia (252.883 uomini e 269.077 donne) e 181.635 in quella di Terni (87.327 uomini e 94.308 donne). Nel capoluogo di regione, Perugia, gli elettori sono 128.556 (61.456 uomini e 67.100 donne); a Terni sono 87.733 (41.695 uomini e 46.038 donne).

Normativa, documenti, istruzioni, facsimile della scheda di votazione, manifesto delle candidature a Presidente e delle liste elettorali sono pubblicati sul portale della Regione Umbria, all’indirizzo www.regione.umbria.it, nella sezione “Elezioni regionali 2019” (http://www.regione.umbria.it/la-regione/elezioni-regionali), attraverso la quale, con un collegamento diretto con il Ministero dell’Interno, potrà essere seguito in tempo reale l’andamento delle elezioni regionali 2019 in Umbria: affluenza alle urne, risultati provvisori dell’elezione del Presidente della Giunta regionale, voti ottenuti dalle liste e dai candidati all’Assemblea legislativa.

L’Ufficio elettorale della Regione Umbria sarà operativo nella sede di Palazzo Donini per tutta la durata delle operazioni elettorali, fino al completamento dello scrutinio.

Per capire come si vota occorre far sempre riferimento al sistema elettorale modificato nel febbraio 2015 proprio con il cosiddetto “Umbricellum”. E’ sufficiente la maggioranza relativa per essere eletto Governatore umbro e non solo, questa stessa legge elettorale prevede che qualsiasi coalizione ottenga la maggioranza relativa abbia diritto al 60% dei seggi del Consiglio regionale anche laddove non venga raggiunta alle urne nei risultati delle Elezioni. In Umbria è presente un’unica circoscrizione con i 20 seggi dell’Assemblea messi dunque in palio semplicemente con sistema proporzionale (il 21esimo seggio è conquistato dal Presidente della Regione nominato); per le Regionali in Umbria è possibile oltre al candidato Governatore, esprimere fino a due preferenze per i candidati di una lista. Non è previsto il voto disgiunto e dunque bisognerà opzionare al massimo due candidati appartenenti alla stessa lista del candidato Governatore scelto, pena l’annullamento della scheda.

Guardando più precisamente alla scheda elettorale delle Elezioni Regionali in Umbria, occorre riassumere brevemente come funzioni il sistema delle preferenze: è possibile infatti esprimere al massimo due preferenze per due candidati che appartengano alla stessa lista, e devono essere espressamente di genere diverso (un maschio e una donna se si sceglie di opzionare due candidati). Ad ogni elettore alle urne verrà consegnata la scheda elettorale assieme alla consueta matita copiativa: per far sì che il proprio voto sia valido, occorre apporre con una X il nome del candidato Governatore, o il simbolo della lista o del partito. È possibile, come dicevamo, esprimere fino a due preferenze nominali per i candidati della lista per cui si è espressa la preferenza.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
48 ⁄ 24 =