Economia umbra, consiglieri minoranza chiedono di conoscere i dati reali

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid: “Per affrontare l’emergenza servono senso di responsabilità”

Economia umbra, consiglieri minoranza chiedono di conoscere i dati reali

“Stupore e incredulità, da parte nostra, nel leggere le dichiarazioni della Giunta Tesei che, nel corso della conferenza stampa di fine anno, ha detto di aver rimesso in moto l’Umbria in un solo anno. Ebbene, pur contenti della grande autostima della presidente e dei suoi assessori, ci piacerebbe conoscere all’evidenza di quali dati abbiano sostenuto una tesi del genere. A noi risulta che il Pil, uno degli indicatori di benessere dell’Umbria, stando ai numeri forniti dallo Svimez, sia a -11,1 per cento, un calo di due punti maggiore della media italiana e di quattro rispetto alla media europea. Inoltre l’occupazione è stabile, nonostante le numerose crisi aziendali, grazie al blocco dei licenziamenti stabilito dal Governo”. Così i consiglieri del Partito democratico Tommaso Bori, Simona Meloni, Fabio Paparelli, Donatella Porzi e Michele Bettarelli, che annunciano la presentazione di un’interrogazione sul tema.

© Protetto da Copyright DMCA

“La realtà – dicono i consiglieri dem – appare ben diversa. L’Umbria è alle prese con una seconda ondata, da cui non è mai uscita, che sta incidendo in maniera significativa non solo sulla salute collettiva, ma anche sugli aspetti economici, culturali e associativi. È mancata, da parte della Giunta regionale, una preventiva organizzazione delle strutture sanitarie e il rafforzamento degli operatori sanitari. Non c’è stato un piano, nei mesi estivi, finalizzato a fronteggiare la nuova e prevista ondata. Una palese sottovalutazione che ha portato le strutture ospedaliere sotto stress, sature e incapaci di gestire la mole di accessi della seconda ondata, nonostante il grandissimo sforzo di tutti i medici e gli operatori”.

“L’emergenza sanitaria – proseguono i consiglieri Pd – si sta trasformando in una crisi economica e sociale. Il tutto a fronte di una nuova terza ondata, prevista nei prossimi mesi, che sommandosi al picco influenzale renderà la situazione ancora più grave. In questo contesto appaiono surreali le affermazioni della Giunta Tesei relative al lavoro svolto dal nuovo Esecutivo e dai risultati prodotti. Per questo – concludono – chiediamo di conoscere su quali indicatori basano le loro dichiarazioni, pubbliche ed ufficiali, entrando nello specifico, per dimostrare quali siano i cambiamenti positivi rispetto all’anno precedente per ogni settore di competenza regionale, così come affermato pubblicamente”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*