DAL SENATO, STEFANIA GIANNINI, SCELTA CIVICA

Stefania Giannini

stefania gianninidi Stefania Giannini, Senatrice della Repubblica
ROMA – Governo, per Letta la grana Sc: o cambiano norme su Pa o trarremo conseguenze
I montiani sul piede di guerra: o si corregge la legge di stabilita’, o a rischio maggioranza (ilVelino/AGV NEWS) Roma, 23 DIC – Scoppia al Senato, nel corso della discussione sulla fiducia alla legge di stabilita’, il caso Scelta civica. I parlamentari del movimento fondato da Mario Monti, infatti, non hanno celato il proprio malcontento per i contenuti del provvedimento, e pur assicurando il proprio si’ alla fiducia, hanno fatto sapere che si trattrera’ dell’ultima cambiale in bianco firmata in favore dell’esecutivo presieduto da Enrico Letta, e che, qualora si ripresentassero dei provvedimenti non graditi, Sc potrebbe non votare piu’ la fiducia.

Prendendo la parola in aula, infatti, la senatrice e segretaria del movimento Stefania Giannini ha affermato che quello di Sc sara’ un voto senza convinzione, “per quello che manca, il coraggio di aggredire la spesa pubblica, laddove serve per la crescita e perche’ e’ stato reinserito nel provvedimento qualcosa che non ci piace affatto: norme di stabilizzazione del personale Pa e delle societa’ partecipate che era stato eliminato per un accordo di maggioranza dal decreto D’Alia”. “Il nostro – ha detto Giannini – e’ un ultimo appello al governo. Se nel dl milleproroghe questi elementi non verranno eliminati per una manovra di crescita e nel rispetto delle regole di trasparenza, Scelta civica, valutera’ il proprio ruolo nella maggioranza”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*