Dal Partito democratico accuse strumentali sui vaccini

In Umbria meno dosi rispetto alla capacità vaccinale della regione

 
Chiama o scrivi in redazione


Consegnate oltre 270mila dosi AstraZeneca, a marzo arrivati 4,7 mln vaccini

Dal Partito democratico accuse strumentali sui vaccini

Marchetti (Lega): “Dal PD accuse strumentali sui vaccini. In Umbria meno dosi rispetto alla capacità vaccinale della regione” In seguito alla polemica sollevata dal PD Tifernate in merito agli umbri vaccinati in Toscana attraverso liste di ‘riservisti’, interviene il Vice Segretario della Lega Umbria, Riccardo Augusto Marchetti.

“È vergognoso che in un momento tanto delicato, il Partito Democratico tifernate, nella smania di racimolare qualche voto in vista delle elezioni amministrative, cavalchi notizie false col solo obiettivo di denigrare il lavoro svolto dalla Giunta Regionale e dall’Assessore Luca Coletto – attacca il Vice Segretario della Lega Umbria, Riccardo Augusto Marchetti – il tentativo di esaltare le gesta del piano vaccinale della Regione Toscana a discapito dell’Umbria, non è che sterile propaganda elettorale. I dati sono incontrovertibili e testimoniano come l’Umbria abbia fino ad ora somministrato una più alta dose di vaccini in relazione al numero di abitanti, rispetto alla vicina Toscana – sottolinea – il punto sul quale occorre fare chiarezza è come mai alla nostra regione venga assegnato un numero di dosi inferiore rispetto a quante siamo in grado di somministrarne giornalmente. Come Lega ci attiveremo presso il Governo nazionale per chiedere spiegazioni nel merito, e ci batteremo affinché in Umbria arrivino più dosi, cosicché la campagna vaccinale non subisca ulteriori rallentamenti. La sinistra locale, presa dalla frenesia di dover recuperare consensi e guidata dalla totale e ormai proverbiale assenza di contenuti – conclude l’Onorevole Marchetti – ha ceduto vergognosamente all’egoismo degli interessi di partito, perdendo ancora una volta l’occasione di mostrare un concreto spirito di collaborazione nell’interesse di tutta la cittadinanza”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*