Coronavirus: Bori, “giunta apra al confronto con le opposizioni”

 
Chiama o scrivi in redazione


Violenza donne: Bori, serve impegno costante Istituzioni 

Coronavirus: Bori, “giunta apra al confronto con le opposizioni”

“Dopo aver dimostrato a più riprese la nostra piena disponibilità a collaborare con il Governo regionale, ci aspettiamo che, data la drammaticità della situazione attuale, già domani, la presidente Tesei, venga in Aula e si renda disponibile ad aprire una fase straordinaria della legislatura, aprendosi finalmente al confronto con le opposizioni e con la società regionale”. È quanto dichiara il capogruppo regionale del Partito democratico Tommaso Bori.

IN SINTESI
Il capogruppo regionale del Pd, Tommaso Bori, chiede che “la presidente Tesei domani in Aula si renda disponibile ad aprire una fase straordinaria della legislatura, aprendosi finalmente al confronto con le opposizioni e con la società regionale”. Per Bori “abbiamo dimostrato a più riprese la nostra piena disponibilità a collaborare con la Giunta”.

“Da parte nostra – spiega Bori – troverà tutta la disponibilità che questo tempo difficile rende indispensabile, pronti a condividere responsabilmente il peso di questa emergenza e a provare a recuperare il tempo perduto. Ci auguriamo che il senso di responsabilità prevalga rispetto alla tentazione di mettere in scena l’ennesima polemica politica fine a se stessa. Servono misure urgenti, straordinarie e forse impopolari, altrimenti le troppe attese rischiano di trasformare questa emergenza sanitaria in una crisi economica e sociale che si scaricherà, in particolare, sulle spalle dei più deboli”.

I sacrifici chiesti ai cittadini, uniti al grande sforzo messo in campo dagli operatori sanitari, rischiano di non bastare – continua Bori – se non accompagnati da un investimento straordinario sulla sanità pubblica, che deve passare per il potenziamento di organici, strutture e mezzi. È questa – conclude – la sfida che dobbiamo saper cogliere insieme, prima che sia troppo tardi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*