Completamento della Pian D’Assino, Smacchi, si convocare Anas e sindaci Altochiascio

 
Chiama o scrivi in redazione


Nel 2019 importanti interventi per Pian D'Assisno, strada della Contessa e Perugia
Foto Andrea Smacchi (Consigliere Regionale)

Completamento della Pian D’Assino, Smacchi, si convocare Anas e sindaci Altochiascio “La Seconda commissione dell’Assemblea legislativa convochi Raffaele Celia, capo compartimento Anas (Toscana-Umbria-Marche) e i sindaci dei Comuni dell’Alto Chiascio per un aggiornamento sul completamento della SS 219 ‘Pian D’Assino’ e sulla manutenzione della SS 452 ‘della Contessa’”. Lo chiede il consigliere regionale Andrea Smacchi (Pd), spiegando di aver inviato una formale richiesta al presidente Eros Brega “facendo seguito all’interrogazione presentata e prossima alla discussione in Aula sullo stato dei lavori previsti, ancora da effettuare, sulla SS 219 ‘Pian D’Assino’”.

© Protetto da Copyright DMCA

“Gli argomenti da trattare e soprattutto da approfondire – continua Smacchi – saranno molteplici: dallo stato della procedura di assoggettabilità a Via (Valutazione impatto ambientale) del tratto Mocaiana – Bivio di Pietralunga (di cui ricordo lo stanziamento di circa 76milioni di euro fermi da quasi due anni e per il quale siamo ancora in attesa del decreto attuativo da parte del ministero dell’Ambiente), alla realizzazione dei sistemi tutor per il rilevamento della velocità al fine di rendere più sicuro l’intero tratto stradale della ‘Pian D’Assino’ fino a Branca, purtroppo teatro anche recentemente di tragici incidenti.

In quella sede – prosegue il consigliere regionale – cercheremo di ottenere dai soggetti preposti risposte certe ed esaustive anche riguardo un’altra arteria viaria di notevole importanza per questo territorio, che è la SS 452 denominata ‘della Contessa’, per la quale a più riprese sono stati richiesti interventi di manutenzione del manto stradale nonché della galleria che presenta preoccupanti infiltrazioni”.

“Le aspettative rispetto a questi nodi stradali – conclude Smacchi – sono particolarmente forti e sentite in tutta la comunità e non soltanto per la sicurezza, ma anche per la ripresa economica dell’intero territorio ed è chiaro a tutti che non sono più accettabili né lungaggini burocratiche né rimpalli di responsabilità tra i soggetti interessati”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*